Athletic Bilbao vs Atlético de Madrid: trasmissione in diretta, ora di inizio, canale TV, come guardare la Liga 2021 (domenica 25 aprile)

Atletico Madrid Cercherai di rimanere in testa da Lega Ci vuole anche Athletic Bilbao Domenica pomeriggio La Liga partita per i telespettatori americani. L’Atletico Madrid ha conquistato i titoli dei giornali come membro principale della controversa Premier League europea prima di ritirarsi a causa della reazione dei tifosi. Ora, il club è tornato nella Liga mentre cerca di conquistare il Real Madrid. Luis Suarez Segnando in questa stagione, ha guidato con Foto di Marcos Llorente Ha segnato 11 gol lui stesso. Il rovescio della medaglia, il Bilbao sta cercando di riprendere le cose dopo aver perso gol nelle ultime tre partite, inclusi due pareggi per 0-0 in una partita della Liga e una sconfitta per 4-0 contro il Barcellona in Copa del Rey. Alex Berniger Segnare in questa stagione ha portato insieme a Iñaki Williams E il Iker Muniain.

Sarà trasmessa la partita di domenica Fare sport. Puoi guardare i giochi gratuitamente online se ti registri per una prova gratuita con fuboTV, che dura sette giorni.

Athletic Bilbao vs. Atletico Madrid (La Liga 2021)

Ora di inizio: 3:00 pm EST

canale tv: beIN Sports EN + ES

Trasmissione in diretta: Fare sport | fionda | fuboTV (prova gratuita) – Se hai un abbonamento via cavo, puoi utilizzare le credenziali di accesso del tuo provider TV per guardare online Fare sport. Se non hai un cavo, puoi vegliare fionda Con il World Sports Bonus Pack – o tramite fuboTV, Che include beIN sports con il suo pacchetto base (e una prova gratuita)

Più copertura di calcio internazionale tramite The Associated Press

Londra (AFP) – Dopo essersi mobilitata rapidamente per impedire ai club ribelli di partecipare a una competizione separatista europea, la Premier League sta prendendo provvedimenti per impedire ai cosiddetti “Big Six” di provare qualcosa di simile in futuro.

READ  La doppia medaglia mondiale Ariana Brady soffre di "lieve miocardite" e salterà l'Euro

I più grandi club in Inghilterra hanno spesso usato minacce per unirsi alla Super League in passato come un gioco di potere in passato, ma ora si trovano estremamente vulnerabili dopo che un tale progetto è crollato entro 48 ore dal suo lancio in mezzo a un’ondata di rabbia da parte dei fan, giocatori, governo e persino membri della famiglia. .

Ora la Premier League sta lavorando per neutralizzare ulteriormente questi club con sanzioni e misure per impedire loro di giocare di nuovo la stessa moneta di scambio, ha detto all’Associated Press una persona che ha familiarità con la situazione.

La fonte ha detto che la lega sta valutando di imporre sanzioni ai dirigenti del club che hanno cospirato per aderire al progetto separatista, invece di punire le squadre stesse. Hanno parlato a condizione di anonimato per discutere di deliberazioni private all’interno della Premier League.

Diversi gradi di scuse pubbliche sono arrivate da Arsenal, Liverpool, Manchester United, Manchester City e Tottenham, anche se non dal Chelsea, da quando martedì sera si è ritirato dal progetto della Premier League a 12 squadre di fronte a un crescente contraccolpo dell’opinione pubblica.

Ma ciò non impedirebbe alla Premier League di cercare di isolare i dirigenti del club da comitati chiave come quello che valuta la vendita dei diritti di trasmissione televisiva, il che ha permesso loro di accedere a informazioni di valore commerciale poiché pianificavano di creare una nuova competizione con i club spagnoli e italiani. dalla struttura della UEFA Champions League.

La revisione della governance da parte della Premier League esplorerà anche le procedure per lasciare i club legalmente esposti se il gruppo collettivo si oppone cercando di rilanciare la Premier League – con il presidente della Juventus Andrea Agnelli e il presidente del Real Madrid Florentino Perez ancora aggrappati alle prospettive.

READ  30 migliori Fucile Da Pesca da acquistare secondo gli esperti

I grandi club hanno precedentemente minacciato la Premier League nel 2016 e ne hanno approfittato per assicurarsi automaticamente quattro posti in UEFA Champions League per Inghilterra, Spagna, Italia e Germania ogni anno.

Agnelli ha anche cercato di trasformare la Champions League in una competizione in gran parte chiusa nel 2019 con un massimo di 24 posti chiusi prima che i club più piccoli e le leghe europee nazionali radunassero l’opposizione.

Agnelli è stato presidente della European Club Association fino a domenica sera, quando si è dimesso in relazione ai piani annunciati della Premier League. Due giorni prima, il presidente UEFA Alexander Ceferin aveva promesso che lui e altri club d’élite avrebbero sostenuto i piani della UEFA per rimodellare la UEFA Champions League.

Quando sono emerse le loro vere intenzioni, l’amministratore delegato della Premier League Richard Masters ha radunato altri 14 club della Premier League, della Federcalcio e del governo britannico per respingere i Big Six che avevano passato anni a gettare il loro peso sul gioco inglese.

I ribelli della Premier League hanno proceduto con il loro annuncio nonostante l’avvertimento pubblico dopo la fuga di domenica pomeriggio che sarebbe stato vietato loro di giocare nelle competizioni nazionali se avessero formato una competizione europea per la quale non dovevano qualificarsi per ogni stagione.

La Premier League sta cercando regole più severe per rendere più facile licenziare qualsiasi club che ha cercato di sciogliersi in futuro, specialmente con Real Madrid e Barcellona che non hanno abbandonato l’idea.

Nel frattempo, la Serie A e la Liga sembrano facilitare le cose per i loro club.

La Federcalcio italiana ha annunciato mercoledì che non punirà Juventus, Inter e Milan per il loro coinvolgimento nel fallito tentativo di secessione.

READ  Wizz Air respinge gli appelli della Federazione italiana alla contrattazione collettiva

“Non si può punire un’idea che non è stata realizzata”, ha detto il presidente della federazione Gabriel Gravina.

Il presidente della Liga Javier Tebas ha lasciato intendere che nemmeno Barcellona e Real Madrid andranno incontro a sanzioni, ma ha affermato che le regole più severe mirano a infrangere le speranze di secessione.

“La cosa più importante è che questi club siano stati sanzionati dai loro tifosi”, ha detto Tebas giovedì a Madrid. Invece di sanzioni, stiamo cercando di prendere misure precauzionali in modo che non accada di nuovo. Non si sono arresi alla Lega. Hanno abbandonato l’idea della concorrenza europea “.

I club inglesi sono stati i primi a ritirarsi dal draft della Premier League, con Chelsea e Manchester City che si sono ritirati martedì, seguiti dagli altri quattro. A quel punto, fu osteggiato dal principe William, presidente della Federcalcio, e dal primo ministro Boris Johnson, che aveva minacciato di emanare leggi per impedire ai club inglesi di unirsi alla Premier League.

Ma la rapida ritirata non ha calmato i disordini dei fan.

L’allenatore del Manchester United Ole Gunnar Solskjaer è dovuto andare a parlare con un gruppo di protesta di circa 20 fan che sono riusciti a raggiungere il campo di allenamento della squadra giovedì mattina, chiedendo alla famiglia proprietaria dei Glazers di vendere il club.

Il manager dell’Arsenal Mikel Arteta ha detto di aver ricevuto delle scuse personali dalla famiglia Kroenki.

“Questo ha dato grandi lezioni e mostra l’importanza del calcio nel mondo”, ha detto Arteta. “Questo dimostra che lo spirito di questo sport appartiene alle masse”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News