Chi è: Dimah Al Yahya, segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione digitale

New York: Giovedì il re Salman dell’Arabia Saudita ha dichiarato al vertice dei leader mondiali che il rafforzamento della cooperazione internazionale è la “soluzione migliore” per affrontare il cambiamento climatico.

Ha detto che il riscaldamento globale minaccia la vita sul nostro pianeta e che le sfide “non riconoscono i confini nazionali”.

Il re Salman ha affermato durante il Vertice dei leader sul clima, ospitato dagli Emirati Arabi Uniti, “L’obiettivo è lo sviluppo sostenibile e per raggiungere questo obiettivo deve esserci una metodologia completa che tenga conto dei diversi sviluppi e delle condizioni che esistono intorno al mondo.” noi.

Ha affermato che il Regno ha lanciato pacchetti di strategie e introdotto regolamenti con l’obiettivo di utilizzare fonti pulite e rinnovabili per produrre il 50% del fabbisogno energetico del Paese entro il 2030.

Sua Maestà ha affermato: “Migliorare il livello di cooperazione internazionale è la migliore soluzione per affrontare le sfide del cambiamento climatico”.

“Durante la nostra presidenza del G20 lo scorso anno, abbiamo sostenuto la necessità di abbracciare l’idea di un’economia circolare del carbonio e di lanciare due iniziative internazionali per ridurre il degrado del suolo e proteggere le barriere coralline”.

Ha aggiunto che il principe ereditario Mohammed bin Salman ha recentemente annunciato due nuovi piani ambientali: la Saudi Green Initiative e la Green Middle East Initiative. Mira a ridurre le emissioni di carbonio della regione di oltre il 10% degli attuali contributi globali.

“Queste iniziative mirano anche a piantare 50 miliardi di alberi nella regione”, ha detto.

Ha aggiunto che il Regno lavorerà con i suoi partner per raggiungere questi obiettivi e ospiterà forum per le due iniziative entro la fine dell’anno.

Ha detto: “Infine, vorremmo confermare il nostro entusiasmo e impegno a cooperare per combattere il cambiamento climatico, al fine di creare un ambiente migliore per le generazioni future, e auguriamo successo nei nostri sforzi per proteggere il nostro pianeta”.

READ  Il Cuban Club può ricevere finanziamenti per il suo restauro. La Jackson House e l'Italian Club potrebbero non farlo

In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha convocato il vertice con l’obiettivo di creare uno slancio globale per l’azione per il clima prima della COP26, la conferenza delle Nazioni Unite

La conferenza sui cambiamenti climatici a Glasgow, in Scozia, a novembre – si è impegnata a ridurre le emissioni di combustibili fossili degli Stati Uniti fino al 52% entro il 2030.

“Incontrare questo momento significa molto di più che preservare il nostro pianeta”, ha detto Biden. “Si tratta di fornire un futuro migliore per tutti noi”. Lo ha descritto come “un momento di pericolo, ma un momento di opportunità”.

Nella sua campagna presidenziale dello scorso anno, Biden ha fatto della lotta al cambiamento climatico una delle sue massime priorità. Mentre i repubblicani si oppongono ai suoi piani sulla base del fatto che costeranno posti di lavoro nelle industrie del carbone, del petrolio e del gas, Biden ritiene che il passaggio a fonti di energia più pulite creerà milioni di posti di lavoro ben retribuiti, una posizione ripresa da molti dei leader mondiali che hanno partecipato . la cima.

Il primo ministro britannico conservatore Boris Johnson ha dichiarato: “Questo non è un abbraccio da coniglio, riguarda la crescita e l’occupazione”.

Quaranta leader partecipano alla due giorni di vertice. Le Nazioni Unite hanno descritto l’anno 2021 come un anno di “emergenza climatica”, poiché gli scienziati hanno avvertito che il cambiamento climatico causato dall’uso del carbone e di altri combustibili fossili sta esacerbando i disastri naturali come siccità, inondazioni, uragani e incendi boschivi. Si teme che il mondo stia ora affrontando una corsa contro il tempo per scongiurare i fenomeni catastrofici del riscaldamento globale.

READ  Il LIC è il decimo marchio assicurativo più prezioso e il terzo marchio più forte al mondo

I paesi più potenti del mondo hanno annunciato varie misure per affrontare la crisi. Includono obiettivi per ridurre le emissioni nocive, piani per tagliare il finanziamento pubblico del carbone e un impegno a integrare l’azione per il clima nei piani di stimolo economico nel tentativo di “ricostruire meglio” dopo il crollo economico legato alla pandemia, con l’obiettivo di “andarsene”. nessuno dietro. “

Anche il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin si sono impegnati a ridurre le emissioni. Nessuno di loro ha menzionato le loro controversie non climatiche con Biden.

“Proteggere l’ambiente significa proteggere la produttività, migliorare l’ambiente è aumentare la produttività. È così facile”, ha detto Xi, il cui paese è il più grande emettitore di gas serra nel mondo, seguito da vicino dagli Stati Uniti.

Putin, che Biden ha recentemente descritto come un “assassino” a causa della repressione del leader russo nei confronti dei dissidenti, ha detto che il suo paese è “davvero interessato a stimolare la cooperazione internazionale al fine di cercare più soluzioni efficaci al cambiamento climatico, nonché tutte le altre soluzioni vitali sfide . “

Il cancelliere tedesco Angela Merkel si è unito a una serie di altri leader che sono intervenuti al vertice per accogliere con favore il ritorno degli Stati Uniti all’accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici, dal quale si è ritirato il presidente Donald Trump.

Ha detto a Biden: “Non c’è dubbio che il mondo abbia bisogno del tuo contributo se vogliamo davvero raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi”.

I piccoli stati e gli stati insulari, che contribuiscono meno alle emissioni di gas serra ma affrontano i maggiori pericoli e danni causati dai cambiamenti climatici poiché sono sempre più colpiti dagli uragani e dall’innalzamento del livello del mare, hanno cercato aiuto dalle principali potenze globali.

READ  DBRA Morningstar mantiene invariato il rating del credito dell'Italia a BBB (alto)

Gaston Alfonso Brown, primo ministro di Antigua e Barbuda, ha detto che il suo popolo “vacilla sull’orlo della disperazione”. Ha chiesto alla comunità internazionale di esentare dal debito e di aiuti per aiutare il suo Paese a riprendersi dagli effetti delle tempeste e dell’epidemia, al fine di “prevenire l’afflusso di profughi a causa del clima”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha descritto gli impegni presi al vertice per raggiungere la neutralità del carbonio come “una spinta tanto necessaria ai nostri sforzi collettivi per affrontare la crisi climatica in vista della COP26 di novembre a Glasgow”.

“È ora urgente che tutti i paesi, in particolare gli altri principali emettitori, presentino i loro piani climatici per il 2030 molto prima della COP 26”.

Guterres ha anche esortato i leader a rispettare i 100 miliardi di dollari di impegni per il clima nei confronti delle nazioni in via di sviluppo un decennio fa.

“Il mondo osserverà da vicino, soprattutto coloro che stanno già soffrendo di gravi impatti climatici e di una crisi economica in corso”, ha detto.

“Il vertice di oggi mostra che la marea si sta dirigendo verso l’azione per il clima, ma c’è ancora molta strada da fare. Per evitare una catastrofe climatica permanente, dobbiamo ora sfruttare con urgenza lo slancio che è stato fornito oggi, in questo anno che è fatto o rotto per le persone e il pianeta. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News