Coronavirus | Gli Stati Uniti inviano le materie prime a Coffeeshield

Sta perseguendo opzioni per generare ossigeno su “base urgente”.

stato unito La Casa Bianca ha detto che il paese distribuirà immediatamente rifornimenti e altri aiuti all’India, a seguito di una telefonata di domenica tra i consiglieri per la sicurezza nazionale dei due paesi Ajit Duval e Jake Sullivan. L’assistenza degli Stati Uniti includerà la produzione di materie prime per Vaccino Covid-19 “COFESHIELD” Le opzioni sono immediatamente accessibili e vengono perseguite le opzioni per generare ossigeno “su base urgente”. Tuttavia, non è stato menzionato il fatto che gli Stati Uniti spedissero vaccini pronti per l’uso dalle loro scorte. Nell’ultima settimana, l’amministrazione Biden ha dovuto affrontare crescenti critiche per non aver fatto nulla e aver detto abbastanza sulla situazione in India.

Leggi anche: L’amministrazione Biden nega un “divieto totale” sulle materie prime per i vaccini

La portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Emily Horne ha detto domenica che gli Stati Uniti “stanno lavorando 24 ore su 24” per diffondere “risorse e rifornimenti disponibili”. Il signor Sullivan ha affermato la solidarietà dell’America con l’India, i due paesi con la popolazione più numerosa Casi di covid-19 Disse la signora Horne.

Ha detto che gli Stati Uniti avevano identificato le fonti delle materie prime necessarie per produrre il coffeeshield e le avrebbero fornite “immediatamente” all’India. All’inizio di aprile, Adar Poonawalla, la cui società Serum Institute of India (SII) produce il vaccino, ha fatto appello pubblicamente al presidente degli Stati Uniti Joe Biden per revocare il divieto di esportazione di materie prime. L’amministrazione ha negato che ci fosse un divieto assoluto. Tuttavia, a seguito della legge sulla produzione della difesa degli Stati Uniti (poteri di emergenza che consentono al governo di controllare le decisioni di produzione del settore privato), gli ordini di acquisto del governo federale devono avere la priorità rispetto a quelli esteri, con conseguente carenza di esportazioni.

Leggi anche: Comprendiamo i requisiti farmaceutici dell’India: Joe Biden

Dichiarazione di domenica della signora Horne che descrive in dettaglio altre forme di assistenza immediata all’India.

“ Per aiutare a curare i pazienti COVID-19 e proteggere gli operatori sanitari in prima linea in India, gli Stati Uniti hanno identificato forniture di trattamenti, kit di test diagnostici rapidi, ventilatori e dispositivi di protezione individuale. [PPE] Questo verrà fornito immediatamente all’India. “Gli Stati Uniti stanno anche cercando opzioni per fornire la generazione di ossigeno e le relative forniture su base urgente”, ha affermato la dichiarazione della signora Horne.

Finanziamento BioE

Gli Stati Uniti amplieranno anche i finanziamenti per BioE, una società con sede a Hyderabad, per aumentare la produzione per soddisfare i requisiti del programma di fornitura di vaccini di Quad (India, Stati Uniti, Australia e Giappone). Inoltre schiererà un team di esperti per lavorare con l’ambasciata degli Stati Uniti in India per supportare Fastback.

American Development Finance Corporation [DFC] Finanziare un’importante espansione della capacità di produzione per BioE, il produttore di vaccini in India, consentendo a BioE di aumentare la produzione di almeno 1 miliardo di dosi di vaccini COVID-19 entro la fine del 2022. Inoltre, gli Stati Uniti schierano un team di esperti di consiglieri sanitari generali del CDC [CDC] USAID lavora in stretta collaborazione con l’Ambasciata degli Stati Uniti, i Ministeri della Salute indiani e il personale dell’Indian Epidemic Intelligence Service. USAID lavorerà rapidamente anche con i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per sostenere e accelerare la mobilitazione delle risorse di emergenza disponibili per l’India attraverso il Fondo globale “, ha detto la signora Horne.

“Proprio come l’India ha inviato aiuti agli Stati Uniti mentre i nostri ospedali erano sotto pressione all’inizio della pandemia, così gli Stati Uniti sono determinati ad assistere l’India nel momento del bisogno”, si legge nella dichiarazione.

Blinken reazione

La reazione è stata il segretario di Stato americano Anthony Blinken Pubblicamente per l’ondata di COVID-19 che ha investito l’India sabato sera, dicendo che gli Stati Uniti “dispiegheranno rapidamente ulteriore supporto”.

“I nostri cuori sono rivolti al popolo indiano nel mezzo dell’orribile epidemia di COVID-19. Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner del governo indiano e forniremo rapidamente ulteriore supporto al popolo indiano e ai campioni dell’assistenza sanitaria in India.

Ministro degli Affari Esteri S. La settimana scorsa Jaishankar e il signor Blinken hanno discusso della situazione del COVID-19, ma il Dipartimento di Stato non era disposto ad entrare nei dettagli della chiamata oltre alla lettura.

L’amministrazione Biden ha subito pressioni crescenti la scorsa settimana per inviare ossigeno di riserva e vaccini in India: le scorte sono in uso ora, piuttosto che soddisfare la futura domanda globale (come fanno l’iniziativa Quartet e la struttura di distribuzione globale di vaccini Covax).

La Camera di Commercio americana, un potente ente commerciale e specialisti di politica asiatica e legislatori, ha invitato gli Stati Uniti a donare vaccini, come la sua scorta di 30-40 milioni di dosi di iniezioni di AstraZeneca inutilizzate.

“Attualmente stiamo fornendo circa 40 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca negli stock statunitensi, che è uno stock che non utilizziamo … Chiedo rispettosamente ma con forza all’amministrazione Biden di rilasciare milioni di dosi di vaccino AstraZeneca nei paesi più colpiti da esso “, ha detto il rappresentante Raja Krishnamurthy, He is a Democrat, sabato, la diffusione del Covid-19, tra cui India, Argentina e forse altri paesi.

A marzo è stato raggiunto un accordo in base al quale 4 milioni di questi sarebbero stati condivisi con Canada e Messico. Da allora l’amministrazione non ha annunciato piani per inviare più di questi vaccini all’estero.

“POTUS, per favore parla con PMOIndia e vedi se possiamo prestare 10 milioni di dosi di vaccino AZ come domani. Dobbiamo aiutare ora!” Ha twittato Shaker Narasimhan, fondatore del Super PAC (Comitato di azione politica) Victory Fund for the Asian American Pacific Isole.

Alcuni democratici – inclusi i principali candidati democratici, i senatori Bernie Sanders ed Elizabeth Warren – hanno chiesto al signor Biden di sostenere una rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per facilitare la produzione di trattamenti COVID-19 a livello globale.

L’India ha iniziato a ricevere forniture da altri paesi. Singapore ha inviato le bombole di ossigeno sabato e gli Emirati Arabi Uniti, la Russia e l’Unione Europea stanno lavorando per inviare forniture mediche. Sabato il primo ministro pakistano Imran Khan ha twittato un messaggio di “solidarietà con il popolo indiano”.

READ  Una nazione che trema, M. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l'Unione europea si sono impegnati a fornire assistenza con i vaccini per l'ossigeno

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News