Covit-19 | La variante britannica non causa forme più gravi

(Parigi) Due studi pubblicati martedì confermano che la variante “britannica” del virus corona non causa forme gravi di COVID-19, contrariamente ai risultati di ricerche precedenti, ma che è più contagiosa dei ceppi precedenti.


France Media Agency

Gli autori del primo studio, pubblicato in Malattie infettive della lancetta, Dati analizzati da 341 pazienti COVID-19 ricoverati in un ospedale di Londra dal 9 novembre al 20 dicembre, con la comparsa della variante 501Y. La V1 ora domina gran parte dell’Europa.

Il 58% di loro è affetto da questa variante, nota con il nome ereditario B.1.1.7 e il 42% con altri ceppi.

Il 36% dei pazienti nel primo gruppo si ammalò gravemente o morì, rispetto al 38% nel secondo gruppo, il che afferma che B.1.1.7 non era associato a gravità elevata.

Tuttavia, i ricercatori hanno dimostrato che i campioni contenevano una media di livelli elevati di virus nei pazienti con il disturbo, indicando un’alta prevalenza.

Il secondo studio, pubblicato in The Lancet Public Health, Sono stati analizzati i dati di quasi 37.000 utenti britannici di un’applicazione mobile progettata per segnalare i sintomi di COVID-19 risultati positivi tra il 28 settembre e il 27 dicembre.

Dal numero di persone che hanno segnalato sintomi ogni settimana in una particolare area, ha concluso che il tasso di riproduzione nella variante “britannica” era 1,35 volte superiore, il che significa che ogni paziente infetto aveva una media del 35% in più di persone infettate dai ceppi di il virus che circolava in precedenza.

Tuttavia, la variante non causava sintomi più gravi o era più probabile che presentasse sintomi cronici (“lungo COVID-19”).

READ  30 migliori Lampada Da Comodino Camera Da Letto da acquistare secondo gli esperti

Nel commento del primo studio, tre ricercatori del Centro nazionale per le malattie infettive (NCID) di Singapore, i cui risultati contraddicono i tre documenti precedenti, che collegano la variante “britannica” con una maggiore probabilità di morte e forme più gravi. Di COVID-19.

Dicono che lo studio è stato pubblicato The Lancet Ha il vantaggio di utilizzare una sequenza completa di virus nella sua analisi, ma i suoi risultati “promettenti” “devono essere confermati da studi importanti”.

“Questo studio si concentra sui risultati clinici di un gruppo già ricoverato in ospedale con COVID-19”, afferma l’epidemiologo Nicholas Davis, citando tuttavia il British Science Media Center.

Ciò “non contraddice i componenti già raccolti da studi precedenti”, il che dimostra che “l’infezione da P.1.1.7 è associata a un maggior rischio di morte in tutto il mondo, ospedalizzazione e ricovero. Tutti gli individui sono risultati positivi per SARS-Cowie-2, “ha aggiunto. Dice.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News