Final Frontier: L’elicottero di Marte per riportare gli esseri umani sulla Terra

Chennai:

In ogni caso, e fallo o muori, la creatività è il primo passo verso il viaggio degli astronauti su Marte e infine di nuovo sulla Terra. In primo luogo, ha a che fare con l’apprendimento di come un oggetto vola su Marte, dove l’atmosfera è più sottile di quella terrestre. Questo è importante perché l’atmosfera di un pianeta può influenzare il modo in cui le cose decollano e volano via dalla Terra, come navigano a modo loro e come atterrano di nuovo. Al sicuro.

Sappiamo quasi tutto sul volo sulla Terra, ma quasi nulla sul volo su Marte. Anche il solo atterraggio di una sonda, come il perseverante rover americano, che viaggiava con la creatività legata alla pancia, non era un affare finito … prima che fosse fatto.

Una volta che gli scienziati avranno capito come volare per brevi distanze su Marte, avranno esperienza reale e pratica, al di là delle loro ipotesi e calcoli matematici. Questo li aiuterà a costruire razzi e altri veicoli spaziali più adatti al lancio da Marte, a restituire campioni e forse ad un certo punto nei prossimi 100 anni, a riportare le persone sulla Terra. Questo ridisegnerebbe le nostre intere vite, indipendentemente da dove viviamo. La possibilità di andare su un secondo pianeta e tornare indietro attorno al “vero cambia” sarebbe l’unico “vero cambiamento” che l’umanità abbia visto da quando è stato coniato quel cliché. Ma questo inizia con cose più semplici. L’elicottero della NASA sta svolgendo un ruolo in un progetto congiunto gestito dall’Agenzia spaziale statunitense con la sua controparte europea ESA. La cosiddetta “Mars Return Campaign” mira a riportare sulla Terra campioni di rocce, suolo e polvere di Marte. La perseveranza e la creatività, conosciute collettivamente come la Missione di marzo 2020, sono componenti chiave della campagna.

READ  La capsula SpaceX lascia la stazione con 4 astronauti e torna a casa

Il piano è di perseverare nel nascondere campioni di roccia e suolo in un’area intorno al cratere Jezero, dove il rover è atterrato a febbraio. Questi campioni verranno quindi raccolti, tutte le cose che verranno pianificate, in una missione successiva alla fine di questo decennio. La NASA e l’Agenzia spaziale europea stanno studiando le opzioni per quello che chiamano un lander campionatore. Questo mezzo da sbarco includerà un altro rover, che raccoglierà campioni, una piattaforma di lancio mobile e una capsula simile a un missile per riportare le cose. Utilizzando ciò che gli scienziati sperano di apprendere sul lancio da Marte e testare l’ingegnosità del volo, la capsula – o “ascesa” – lascerà il pianeta intorno al 2028 e incontrerà un veicolo spaziale in orbita. Questa navicella quindi preleverà dei campioni e li riporterà a casa.

Qual è il vantaggio di ottenere la polvere di Marte? Per prima cosa, vedi se possiamo. I paesi di tutto il mondo stanno lavorando per restituire tutti i tipi di campioni dallo spazio. Gli scienziati stanno ancora lavorando e verificando i carichi utili di disordine dai campioni restituiti dalla Luna durante le missioni Apollo della NASA alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70.

Ma c’è una crescente sensazione che i paesi sentano di poter dimostrare una maggiore efficienza nello spazio ottenendo nuovi campioni da lune, asteroidi e altri pianeti, come Marte. Per cominciare, dimostra l’abilità tecnologica. Questo è il motivo per cui la Cina ha recentemente condotto campioni di missioni di ritorno dalla Luna. Il Giappone sta anche pianificando una missione per restituire campioni da una delle lune di Marte, Phobos, intorno al 2024. Poi si tratta di cercare risorse. Le lune, gli asteroidi e altri pianeti nel nostro sistema solare sono fatti di minerali e materiali cosmici simili a quelli della Terra. Pertanto, c’è un enorme intento commerciale. Ad un certo punto, gli stati vorranno difendere i loro interessi commerciali nello spazio, anche se sono militari. Quindi, torna al primo punto: dimostrare la capacità tecnologica. In definitiva, si tratta di vedere se possiamo conoscere la geologia e la biologia su Marte in modi che non possono (ancora) essere raggiunti attraverso laboratori lontani, come quelli nel Wagon of Perseverance. E ancora una volta, si tratta di quelle domande durature, sia scientifiche che filosofiche: c’è vita su Marte e possiamo usare ciò che esiste per costruire nuova vita per gli esseri umani su Marte?

READ  Le donne possono ottenere il vaccino Covid durante le mestruazioni: Govt: The Tribune India

Questo articolo è stato fornito da Deutsche Welle

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News