Google si sbarazza degli elenchi di app del Play Store che sembrano essere truffe

Google ha annunciato una nuova politica e linee guida del Play Store incentrate sul rendere gli elenchi di app più accurati e puliti, rendendoli meno terribili da guardare. Le nuove istruzioni influiscono anche sugli screenshot e sui video che vengono pubblicati insieme al menu dell’app e che hanno lo scopo di mostrare le caratteristiche e le funzioni dell’app. Queste nuove linee guida entreranno in vigore nella seconda metà del 2021 e dettagli più specifici su come verranno implementate le nuove politiche per i titoli, le icone e le descrizioni delle app entro la fine dell’anno.

Google ha spiegato in Post sul blog Le politiche sui metadati della nuova app bandiranno tutta una serie di “trucchi” che gli sviluppatori di app utilizzano per evidenziare i loro elenchi di app. Come scrivere parole in lettere maiuscole, a meno che non sia così che scrive il marchio, non sarà più consentito aggiungere emoji nei nomi delle app. I titoli delle app saranno inoltre limitati a 30 caratteri e non possono “richiedere installazioni” o menzionare cose come “scarica ora”. Inoltre, non puoi promuovere offerte includendo un banner “Vendi” con l’icona dell’app.

Google descrive il post del blog come un “pre-annuncio” progettato per aiutare gli sviluppatori a pianificare e prepararsi per i cambiamenti imminenti che saranno imposti entro la fine dell’anno. La società ha aggiunto che una volta che queste norme che regolano il titolo, l’icona e il nome dello sviluppatore dell’app saranno in vigore, le app che violano le norme non saranno più consentite su Google Play. Hanno anche affermato che maggiori dettagli in merito saranno condivisi entro la fine dell’anno.

READ  Qui gli utenti di Apple iPhone in India possono ottenere l'aggiornamento a iOS 14.5 con supporto AirTags, trasparenza delle app e altro

Accanto a QuestoIn quest’anno, le linee guida per le risorse di anteprima delle app entreranno in vigore nella seconda metà di quest’anno, che esamineranno la grafica, i video e le brevi descrizioni dell’app e verificheranno se rappresentano accuratamente le app / i giochi. Verificheranno se le risorse forniscono informazioni sufficienti agli utenti e non utilizzano parole d’ordine come “migliore” o “gratuito”. Le istruzioni verificheranno anche se sono tradotte correttamente. Google ha affermato: “Le risorse che non sono conformi alle nostre linee guida potrebbero non essere idonee per l’upgrade e per le raccomandazioni sulle principali superfici di Google Play, come le principali app e giochi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News