Guarda i coralli morire in un ambiente caldo

Il Arcipelago di Chagos È uno dei luoghi più remoti e idilliaci della terra. Spiagge sabbiose ricoperte di cocco con un’incredibile avifauna e isole tropicali nell’Oceano Indiano, a centinaia di miglia da qualsiasi continente. Appena sotto le onde, le barriere coralline si estendono per chilometri Catena montuosa subacquea.

È il paradiso. Almeno questo era prima dell’ondata di caldo.

Quando ho scoperto per la prima volta l’arcipelago di Chagos 15 anni fa, la vista sottomarina era incredibile. Grappoli di pesci dai colori brillanti precipitano in blu, giallo e arancione tra i coralli del vasto e sano sistema di barriera corallina. Gli squali e altri grandi predatori nuotavano in alto. Perché l’arcipelago è molto lontano e si trova in uno dei più grandi Aree marine protette Su questo pianeta, è stato protetto dalle flotte di pesca industriale e da altre attività che potrebbero danneggiare l’ambiente costiero.

Ma non può essere protetto dai cambiamenti climatici.

Due tumuli di corallo rosa brillante

Poco prima che diventassero bianchi, i coralli assumevano sfumature innaturalmente luminose. Phil Reno / Khalid Bin Sultan Living Oceans Foundation

Nel 2015, un’ondata di caldo marino ha colpito le barriere coralline di tutto il mondo. Sono un biologo marino Alla University of Miami Rosenstiel School of Marine and Atmospheric Sciences, ero con un team di ricercatori a Una spedizione globale di 10 anni per mappare le barriere coralline del mondoGuidato Fondazione Khalid Bin Sultan Living Oceans. In quel momento stavamo finendo il nostro lavoro nell’arcipelago di Chagos. Il nostro rapporto sullo stato delle barriere coralline lì È stato appena pubblicato Nella primavera del 2021.

Con l’aumentare della temperatura dell’acqua, i coralli iniziarono a sbiancare. Ad un occhio inesperto, lo scenario sembrava incredibile. Quando l’acqua si riscalda, i coralli vengono stressati ed espellono le minuscole alghe chiamate dinoflagellati che vivono nei loro tessuti. Lo sbiancamento non è semplice come il passaggio dal corallo vivo al bianco sbiancato. Dopo aver espulso le alghe, i coralli si trasformano in rosa fluorescente, blu e giallo mentre producono sostanze chimiche Proteggersi dai dannosi raggi del sole. Interi coralli si sono trasformati in colori psichedelici.

Questa esplosione di colori è rara e non dura a lungo. Durante la settimana successiva, abbiamo visto i coralli diventare bianchi e iniziare a morire. Non erano solo minuscoli pezzetti di corallo che si sono sbiancati: sta accadendo attraverso centinaia di miglia quadrate.

READ  L'Unione Europea ha citato in giudizio AstraZeneca per aver ritardato il vaccino COVID-19

Ciò che la maggior parte delle persone pensa come corallo sono in realtà molti piccoli polipi coloniali che costruiscono scheletri con carbonato di calcio. Con le alghe scomparse, i polipi possono ancora nutrirsi strappando il polline dall’acqua, ma il metabolismo rallenta senza le alghe, che forniscono più nutrienti. Attraverso la fotosintesi. Sono stati lasciati estremamente vulnerabili e più inclini alle malattie. Possiamo vedere le malattie prendere piede e questo è ciò che le ha spazzate via.

Stavamo assistendo alla morte delle barriere coralline.

Temperature più elevate aumentano il rischio di ondate di calore

La distruzione di Chagos Rif non avveniva in isolamento.

Nel secolo scorso, Temperature della superficie del mare Aumentato a un ritmo Circa 0,13 ° C (0,23 Fahrenheit) per decennio poiché gli oceani assorbono la stragrande maggioranza delle emissioni di gas serra dalle attività umane, in gran parte dalla combustione di combustibili fossili. L’aumento delle temperature e il cambiamento della chimica dell’oceano influenzano la vita marina di tutti i tipi, da Questo degrada le squame di ostriche e piccoli peduncoli, Una parte essenziale della catena alimentare, per far migrare i pesci nell’acqua fredda.

Le barriere coralline possono essere stressate a temperatura ambiente Sorge solo di 1 grado Celsius (1,8 Fahrenheit) al di sopra del loro livello di tolleranza. Poiché l’acqua si riscalda a causa del riscaldamento globale, anche una leggera ondata di calore può diventare devastante.

Nel 2015 l’oceano è caldo Ragazzo L’evento ha causato lo sbiancamento di massa nelle barriere coralline di Chagos Intorno al mondo. Questo è stato il terzo sbiancamento globale registrato, dopo gli eventi del 1998 E il 2010.

Le stelle marine nodule sono tra i diversi tipi di barriere coralline. Ken Marks / Khalid Bin Sultan Living Oceans Foundation

Lo sbiancamento non colpisce solo le barriere coralline: soffre di interi sistemi di barriere coralline e dei pesci che si nutrono, si riproducono e vivono tra i rami della barriera corallina. Uno Studio della barriera corallina Intorno alla Papua Nuova Guinea, nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, si è scoperto che circa il 75% delle specie di pesci della barriera corallina è diminuito dopo lo sbiancamento nel 1998 e molte di queste specie sono diminuite di oltre la metà.

READ  Final Frontier: L'elicottero di Marte per riportare gli esseri umani sulla Terra

La ricerca mostra che le ondate di calore marine stanno girando in questo momento 20 volte più probabile Rispetto a solo quattro decenni fa, tende ad essere più caldo e dura più a lungo. Ora siamo a un punto in cui alcuni posti nel mondo si aspettano che i coralli sbianchino ogni due anni.

Questa maggiore frequenza di ondate di calore è la campana a morto per le barriere coralline. Non hanno il tempo di riprendersi prima di essere colpiti di nuovo.

Dove abbiamo visto segni di speranza

Durante Spedizione globale sulla barriera corallinaAbbiamo visitato più di 1000 barriere coralline in tutto il mondo. La nostra missione è stata quella di condurre indagini standardizzate per valutare lo stato delle barriere coralline e mappare le barriere coralline in dettaglio in modo che gli scienziati possano documentare i cambiamenti in futuro e, si spera, rispondere ad essi. Con questa conoscenza, i paesi possono pianificare in modo più efficace per proteggere le barriere coralline e risparmiare importanti risorse nazionali Centinaia di miliardi di dollari all’anno In termini di valore economico anche se Protezione delle coste Dalle onde e dalle tempeste.

Abbiamo visto danni quasi ovunque, da Bahamas per me la grande Barriera Corallina.

Alcuni coralli sono in grado di resistere meglio alle ondate di calore rispetto ad altri. Correnti più fresche e più forti e persino tempeste e aree nuvolose possono aiutare a prevenire l’accumulo di calore. Ma la tendenza globale non è promettente. Il mondo l’ha già fatto Ha perso dal 30% al 50% del suo corallo Negli ultimi quarant’anni, gli scienziati hanno avvertito che la maggior parte delle barriere coralline rimanenti Potrebbe scomparire nel giro di decenni.

Operatore subacqueo con una grande tartaruga di mare che nuota sopra le barriere coralline.

Il ricercatore Sam Berks si immerge vicino a una tartaruga embricata nell’arcipelago di Chagos. Derek Manzillo / The Khalid Bin Sultan Living Oceans Foundation

Mentre vediamo alcune prove di alcune specie marine Transizione ad acque più fresche Mentre il pianeta si riscalda, le barriere coralline impiegano migliaia di anni per formarsi e crescere e sono limitate dalla geografia.

READ  Quante immagini TC ci sono nel test COVID-19? In che modo il risultato della TC è correlato alla gravità dell'infezione?

Nelle aree in cui abbiamo visto un barlume di speranza, è stato principalmente dovuto a una buona gestione. Quando un’area può controllare altri fattori umani dannosi, come la pesca eccessiva, lo sviluppo costiero estensivo, l’inquinamento e il deflusso, allora I coralli sono più sani E più in grado di affrontare le pressioni globali causate dal cambiamento climatico.

La creazione di grandi aree marine protette è uno dei metodi più efficaci che abbia mai visto Proteggere le barriere coralline Perché limita altri danni.

L’area marina protetta di Chagos copre 640.000 chilometri quadrati (250.000 miglia quadrate) con una sola isola attualmente abitata: Diego Garcia, che include una base militare statunitense. Lo è stato il governo britannico, che ha istituito l’Area Marina Protetta nel 2010 Sotto pressione per cedere il controllo dell’area Nel paese di Mauritius, dove ora vivono gli ex residenti di Chagos e che ha vinto una sfida presso la Corte internazionale di giustizia nel 2020. Qualunque cosa accada con la giurisdizione, l’area trarrà vantaggio dal mantenimento di un alto livello di protezione.

Avvertenza per altri sistemi ambientali

Le barriere coralline di Chagos probabilmente si riprenderanno, se sopravvivono a più ondate di calore. Anche un recupero del 10% renderà i tuoi coralli più forti quando si verificherà il prossimo sbiancamento. Ma il recupero della barriera corallina si misura in decenni, non in anni.

Finora, le spedizioni di ricerca sul Chagos Reef hanno trovato poco, se non nessuno, recupero.

Sbiancamento dei coralli da tavola a Chagos Reef. Derek Manzillo / The Khalid Bin Sultan Living Oceans Foundation

Sapevamo che le barriere coralline non stavano andando bene sotto la marcia maligna del cambiamento climatico nel 2011, quando iniziò il viaggio globale della barriera corallina. Ma non è la stessa dell’intensità dell’ansia che stiamo vedendo ora nel 2021.

Le barriere coralline sono i canarini nella miniera di carbone. Gli esseri umani hanno già fatto crollare altri ecosistemi a causa della pesca eccessiva, della pesca eccessiva e dello sviluppo, ma questo è il primo inequivocabilmente collegato al cambiamento climatico. È un presagio di ciò che può accadere ad altri ecosistemi quando raggiungono le loro soglie di sopravvivenza.

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione Sotto una licenza Creative Commons. Leggi il L’articolo originale.

Conversazione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News