Il 59% degli adulti indiani è stato vittima di crimini informatici negli ultimi 12 mesi: rapporto

Secondo il rapporto 2021 Norton Cyber ​​Safety Insights di NortonLifeLock, circa il 59% degli adulti indiani è stato esposto al crimine informatico negli ultimi 12 mesi. Collettivamente, le vittime del crimine informatico hanno trascorso 1,3 miliardi di ore cercando di risolvere questi problemi.

NortonLifeLock si basa su un sondaggio condotto su oltre 10.000 adulti in 10 paesi, inclusi 1.000 adulti in India. Il sondaggio è stato condotto in collaborazione con The Harris Poll.

Leggi anche: Il collegamento che afferma di cambiare il tema di WhatsApp in rosa è un virus, non fare clic

Secondo il rapporto, il 36% degli adulti indiani ha identificato un accesso non autorizzato a un account o dispositivo negli ultimi 12 mesi. Quasi la metà di loro si è sentita arrabbiata o nervosa (49%) a causa dell’incidente. Circa 2 su 5 hanno affermato di aver sentito paura (42%) o debole (38%) e 3 su 10 (30%) si sono sentiti impotenti.

Nonostante ciò, solo il 36% di loro ha investito in software di sicurezza o ha aumentato il proprio software di sicurezza preesistente. Il rapporto ha aggiunto che mentre il 52% si è rivolto ad amici per chiedere aiuto, il 47% ha contattato l’azienda per una soluzione.

Leggi anche: Google sta rivedendo la politica di divulgazione di Project Zero per contribuire a migliorare le correzioni zero-day

Il rapporto evidenzia anche il modo in cui gli utenti si sentono riguardo alla sicurezza dei propri dati secondo il nuovo standard per lavorare da casa. Secondo lo studio, 7 adulti indiani su 10 (70%) pensano che lavorare da remoto abbia reso molto più facile per hacker e criminali informatici trarre vantaggio dagli utenti. Circa due terzi hanno affermato di essere più preoccupati che mai di essere vittime di crimini informatici.

READ  Qui gli utenti di Apple iPhone in India possono ottenere l'aggiornamento a iOS 14.5 con supporto AirTags, trasparenza delle app e altro

Allo stesso modo, il 63% degli adulti indiani ha riferito di sentirsi più vulnerabile al crimine informatico rispetto a prima della pandemia COVID-19. Nonostante queste vulnerabilità, quasi la metà (52%) ha dichiarato di non sapere come proteggersi dal crimine informatico e più (68%) afferma che è difficile per loro determinare se le informazioni che vedono online provengono da una fonte affidabile “. rapporto ha detto.

Leggi anche: Il 97% delle organizzazioni ha subito un attacco di malware mobile nel 2020: rapporto Checkpoint

Per quanto riguarda il furto di identità, più di 2 adulti indiani su 5 hanno dichiarato di aver subito un simile attacco. Circa il 14% di loro è stato infettato nell’ultimo anno.

La maggior parte degli adulti indiani si preoccupa della privacy dei dati (75%) e desidera fare di più per proteggerla (77%). Infatti, il 76% sta cercando in modo proattivo modi migliori per proteggere la propria privacy, 9 su 10 (90%) hanno adottato misure per proteggere le proprie attività online e le informazioni personali e quasi tre quarti (74%) afferma di averlo fatto a ai cambiamenti degli stili di vita e dell’ambiente Lavorare dallo scoppio dell’epidemia. Il rapporto ha concluso che alcuni dei passaggi più comuni sono il rafforzamento delle password (43%) e la limitazione delle informazioni condivise sui social media (36%).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News