Il testimone chiave della morte di George Floyd non ha voluto essere ascoltato al processo

Al processo per l’omicidio del 40enne americano di colore George Floyd, i giurati chiederanno poco o nulla a un testimone chiave per il dramma in carcere, lui è in prigione, chiedendo il suo diritto a non testimoniare contro se stesso.

• leggi di più: Reagendo in modo eccessivo a Derek Chou, la polizia statunitense si sta difendendo

• leggi di più: Derek Suev, capo della polizia di Minneapolis

• leggi di più: Nella tribuna, i soccorritori spiegano che George Floyd era morto quando è arrivato

Morris Hall, che è detenuto con accuse separate, è comparso davanti al giudice Peter Cahill, che presiede il processo contro l’agente di polizia bianco Derek Suev, tramite collegamento video martedì mattina.

“C’è solo una piccola quantità di materiale che può essere discusso”, ha detto il magistrato, aggiungendo che avrebbe poi preso una decisione finale.

  • Ascolta il giornalista politico internazionale Lok Doss con Benoit Tutrizz su QUB Radio:

Derek Chowdhury, 45 anni, è stato accusato di aver ucciso George Floyd a Minneapolis il 25 maggio, con il ginocchio sul collo per più di nove minuti, e la commedia ha seminato il razzismo storico negli Stati Uniti. Si dichiara non colpevole e conferma che i Quaranta Neri sono morti per qualcosa di più.

All’inizio delle indagini, George Floyd, che era in macchina con il signor Hall e un altro amico, ha sostenuto che il suo avvocato aveva ingerito due pillole poco prima dell’arrivo della polizia. Tuttavia, la ragazza di George Floyd ha testimoniato la scorsa settimana che il signor Hall aveva venduto la coppia di farmaci in passato.

READ  GWC Italia si unisce a Marshall Rodeno Associates e Valve Products

Signor a guardia dell’ufficiale di polizia. Eric Nelson, il sig. Poco prima della morte di Hall, il signor Hall ha confermato che avrebbe voluto chiedere a George Floyd se avesse “fornito o venduto articoli proibiti”.

Tuttavia, l’avvocato di Morris Hall si è reso conto che ciò avrebbe citato in giudizio il suo cliente se l’eccessivo esame fosse stato infine confermato e ha proposto il quinto emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, che non gli avrebbe permesso di testimoniare contro di te.

Il giudice si è pronunciato a suo favore, il sig. Hall ha stabilito che, se convocato davanti ai giudici, avrebbe potuto solo indagare sull’atteggiamento di George Floyd prima di morire, e nient’altro. Prima di dare il via libera alla questione, Eric ha chiesto a Nelson di chiarire le sue domande per iscritto.

“Lontano dal collo”

Dopo questa discussione pratica, le indagini sono riprese con l’interrogatorio di diversi agenti di polizia incaricati dell’addestramento degli ufficiali a Minneapolis. “Viene loro insegnato a stare lontano dal collo il più possibile”, dice Johnny Mersil, che coordina l’addestramento all’uso della forza.

Anche l’agente di polizia di Los Angeles, Jodi Sticker, che ha condotto oltre 2.500 valutazioni di coercizione da parte dei colleghi, è stato perseguito. Nel caso di Floyd, ha insistito, “secondo me, il potere utilizzato era troppo”.

Il giorno prima, il capo della polizia della città, Madaria Aradonto, aveva già ritenuto che Derek Suev avesse “violato le regole” ei “valori” nei suoi servizi tenendo il ginocchio sul collo dell’afroamericano per tanto tempo.

Il governo prevede di convocare un altro esperto di procedure di polizia prima che un dibattito medico sulla causa della morte di George Floyd inizi mercoledì.

READ  Finale di Coppa Italia con il minor numero di tifosi | Notizie di calcio

Le discussioni dovrebbero continuare per circa due settimane. Il verdetto dei giudici in questo processo straordinario non è previsto fino alla fine di aprile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News