In Danimarca viene introdotto il “Corona Passport” per riaprire il Paese

Mentre varca la porta del parrucchiere di recente apertura, Rune Hodgskart timbra le sue “coronaps” sul suo telefono: la Danimarca è il primo paese in Europa a farlo, con il suo “passaporto” Govit-19 programmato per una graduale riapertura del paese entro la fine di maggio.

Disponibile in un’applicazione sicura e in forma cartacea, attualmente consente ad alcune piccole imprese – parrucchieri, saloni di bellezza o persino autoscuole – di risultare positivi per due-dodici settimane, dimostrando che chi lo indossa è completamente vaccinato o che ha già contratto con COVID-19, cioè è risultato negativo per meno di 72 ore.

Lo scienziato informatico di 42 anni, Mr. Hodgskart dice: “Ho aspettato tre mesi per tagliarmi i capelli ed è felice di essere tornato al salone.

“Sabato ho fatto un test ed è valido fino a questo pomeriggio. Di solito eseguo il test una o più volte alla settimana, quindi questo non è un vero problema per me “, spiega.

Dopo quasi quattro mesi di chiusura, la parrucchiera Bernie Nielsen è “entusiasta” all’idea di trovare i suoi clienti.

“Abbiamo aspettato così a lungo per questa riapertura! Adesso facciamo tutto il possibile per riaprire, se è tutto [le coronapas] Deve essere fatto, e poi lo facciamo ”, ha riassunto il manager dello spettacolo, contando sulla collaborazione dei clienti e affrettandosi a prenotare quando aprirà alla fine di marzo.

La Danimarca è stato uno dei primi paesi ad implementare questo sistema, poiché la Commissione europea stava lavorando per lanciare un “certificato verde” digitale per consentire all’UE di rientrare liberamente nell’UE.

Nel paese scandinavo, “Coronapas” non è attualmente utilizzato per i viaggi, anche se il governo lo desidera da tempo.

READ  30 migliori Rubinetteria Bagno Lavabo E Bidet da acquistare secondo gli esperti

Tuttavia, l’accesso alle terrazze, ai ristoranti, ai musei, ai teatri e ai teatri, che dovrebbero riaprire il 21 aprile, è obbligatorio dal 6 maggio.

L’apertura al pubblico approssimativa è prevista per il 21 maggio perché dovrebbe coincidere con la fine di oltre 50 vaccinazioni.

“Coronapas” è temporaneo, promettono le autorità danesi, ma dovrebbe rimanere in vigore fino a quando l’intera popolazione danese avrà accesso al vaccino, in teoria in estate.

“Uomini in nero

Gli imprenditori che non richiedono la fornitura di “coronapas” saranno multati di un minimo di 400 euro – fino a 6.000 euro per reati ripetuti, ha detto il ministero della Giustizia. Per i clienti la multa sarà di 330 euro.

Un dispositivo forzato crea insoddisfazione. Sabato, il movimento anti-controllo “Men in Black” organizza una nuova manifestazione a Copenhagen con lo slogan “Contro i Coronab”.

Per i commercianti, questo è un nuovo cappello che molti avrebbero fatto felicemente senza di esso.

“L’imposizione è una responsabilità irragionevole [ce contrôle] Per un piccolo commerciante. Ad esempio, sarebbe stato molto meglio se la polizia avesse condotto visite di ispezione proprio come i controllori sui treni “, ha detto al Daily News Jacob Brand, direttore della SME Federation SMVdanmark. Politica.

Gli studenti delle scuole medie e superiori che rientrano parzialmente nelle loro scuole dal martedì non sono soggetti al requisito “coronapas”, ma uno screening regolare è fortemente consigliato a tutti gli studenti e al personale docente di età superiore ai 12 anni.

In Danimarca, uno dei paesi europei più efficienti, attualmente è possibile eseguire più di 300.000 test su base giornaliera.

Dei 5,8 milioni di persone in Scandinavia, il 7% è completamente vaccinato e il 13,3% viene prima vaccinato.

READ  Bardet attende con impazienza un "nuovo inizio" al Giro d'Italia

La campagna, che è iniziata più velocemente che altrove in Europa, è ora rallentata poiché il vaccino AstraZeneca è sospeso nel Regno e sono in sospeso nuove stime dei suoi effetti collaterali.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News