La Stazione Spaziale Internazionale | Uno spazio per la scienza, la sperimentazione e l’unità

La cooperazione globale nella ricerca spaziale deve affrontare sfide mentre la Russia pensa di lasciare la Stazione Spaziale Internazionale e lanciarne una propria

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) è una pietra miliare nella cooperazione internazionale. Per più di 20 anni, ha assistito a un’intensa cooperazione tra Stati Uniti, Russia, Unione Europea, Giappone e Canada, e ha ospitato persone provenienti da 19 paesi dal suo lancio nel 1998. Questo scenario sembra essere vicino alla fine, come Russia. Il capo dell’agenzia spaziale russa Roskosmos ha annunciato che la Russia è pronta a costruire e lanciare la propria stazione spaziale entro il 2030 se il presidente Vladimir Putin darà il via libera. Inoltre, in un’intervista alla TV russa, il vice primo ministro Yuri Borisov ha affermato che la Russia invierà un avviso e lascerà la Stazione Spaziale Internazionale entro il 2025.

L’idea della Stazione Spaziale Internazionale è nata nel 1984 quando Ronald Reagan, allora Presidente degli Stati Uniti, la dichiarò nel suo discorso sullo stato dell’Unione. “Il nostro progresso nello spazio, e fare passi da gigante per tutta l’umanità, è un apprezzamento per l’azione collettiva americana e la supremazia. Le nostre migliori menti nel governo, nell’industria e nel mondo accademico si sono riunite. Possiamo essere orgogliosi di dire: siamo i primi; noi sono i migliori; lo siamo perché siamo liberi “. Nel suo intervento, ha chiarito l’idea della cooperazione internazionale su questo progetto, dichiarando: “Una stazione spaziale consentirà salti quantici nella nostra ricerca nella scienza e nelle comunicazioni, nei minerali e nei medicinali salvavita che possono essere prodotti solo nello spazio. Vogliamo che i nostri amici ci aiutino ad affrontare queste sfide e condividere i loro benefici. La NASA inviterà altri paesi a partecipare in modo da poter promuovere la pace, costruire prosperità ed espandere la libertà per tutti coloro che condividono i nostri obiettivi “.

Da allora, il progetto della Stazione Spaziale Internazionale ha visto una crescita nella cooperazione tra molti paesi, in particolare le seguenti agenzie spaziali: NASA (Stati Uniti), Roscosmos (Russia), Agenzia spaziale europea (Europa), JAXA (Giappone) e canadese Agenzia spaziale (Canada)). Sebbene il programma sia iniziato nel 1993, la costruzione dell’impianto non è iniziata fino al 1998.

La Stazione Spaziale Internazionale è stata assemblata sezione per sezione nel corso di diversi anni. La prima parte è stata lanciata il 20 novembre 1998 con un missile protonico russo chiamato Zarya (che significa “alba”). La prima spedizione umana è stata lanciata alla stazione con un missile Soyuz TM 31 dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan. Questo equipaggio è diventato il primo ad abitare nella Stazione Spaziale Internazionale: questi sono gli astronauti della NASA Bill Shepard, Yuri Gidzenko e Sergey Krikival di Roscosmos, che sono arrivati ​​alla stazione il 2 novembre 2000 e sono rimasti per diversi mesi.

Assemblare la Stazione Spaziale Internazionale era di per sé un compito complesso. Ci sono voluti più di 10 anni e oltre 30 missioni per portarlo alla sua forma attuale. Sebbene l’unità base sia stata lanciata nel 1998, l’immagine della stazione scattata nel settembre 2000 dalla sonda Atlantis appariva notevolmente diversa dall’immagine scattata dalla missione di 56 membri nell’ottobre 2018 dopo che era stata svitata nella navicella Soyuz. Varie parti sono state installate in quasi 40 diverse occasioni dal 1998 al 2020.

Esistenza umana

Uno dei risultati più notevoli della Stazione Spaziale Internazionale è che dal 2 novembre 2000 gli esseri umani hanno avuto una presenza costante. Finora, 240 persone provenienti da 19 paesi hanno visitato la Stazione Spaziale Internazionale, inclusi Malesia ed Emirati Arabi Uniti. La maggior parte di loro proveniva dagli Stati Uniti, in numero di 151; La Russia ha inviato 48 persone. Giappone 9; Canada 8 e così via. Nel mondo della fantascienza, la vista della Stazione Spaziale Internazionale che corre nello spazio a una velocità di 28.000 chilometri all’ora è qualcosa che può essere visto dalla Terra e meraviglia. Secondo Neroj Mohan Ramanujan, un radioastronomo che lavora con l’Indian Institute of Astrophysics, “Se la Stazione Spaziale Internazionale sta volando sopra la tua posizione appena prima dell’alba o subito dopo il tramonto, in quei pochi minuti, di solito è l’oggetto più luminoso nel cielo. “Ci sono applicazioni che indicano la sua esatta posizione nel cielo in qualsiasi momento.

La Stazione Spaziale Internazionale è lunga circa un metro quanto un campo di football americano di 109 metri. Ha una volumetria abitabile di 388 mc. M. Comprende sei camere da letto, due bagni e una palestra. Pesa 419.725 kg, per dare prospettiva, peso di 1090 vacche.

La Stazione Spaziale Internazionale si trova a circa 402 km sopra la Terra e orbita intorno a 16 volte al giorno, una volta ogni 90 minuti. Su una base di 24 ore, le persone che abitano la Stazione Spaziale Internazionale vedono 16 albe e tramonti.

Un recente tweet della ISS ha celebrato la conclusione della Spedizione 64 iniziata nell’ottobre 2020 e terminata venerdì 23 aprile, circa sei mesi dopo. “C’è stato un cambio della guardia a bordo della stazione questa settimana. La Missione 64 ha completato la sua missione ed è tornata sulla Terra, e gli astronauti dell’equipaggio 2 hanno attraccato alla stazione sabato”, ha detto. Con la fine della spedizione 64, l’astronauta della NASA Kate Robins, l’astronauta Roscosmos Sergey Rezikov e Sergey Kudverchukov sono tornati sulla Terra a bordo della sonda Soyuz MS-17. I membri del secondo equipaggio, Shane Kimbro della NASA, Megan MacArthur, Akihiko Hoshid della JAXA e Thomas Pesquet dell’Agenzia spaziale europea si sono uniti ad altri sulla Stazione Spaziale Internazionale, e anche il ritorno dei primi astronauti con equipaggio, Shannon Walker della NASA, Michael Hopkins, e Victor Glover And, Soichi Noguchi della JAXA, ci saranno 11 membri dell’equipaggio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

I primi esperimenti sono stati quelli che hanno studiato la dinamica cellulare in condizioni di microgravità. Alcuni degli esperimenti della spedizione più recente includono uno studio su come funzionano i muscoli durante una permanenza a lungo termine in condizioni di bassa gravità. Si tratta di un esperimento dell’Agenzia spaziale europea (ESA) che osserva le proprietà biochimiche dei muscoli esposti a lungo termine al volo spaziale. Ciò potrebbe aiutare lo sviluppo della riabilitazione a terra e nello spazio. Un altro esperimento simula il modo in cui i gechi si attaccano alle superfici usando un adesivo che ha dimostrato di funzionare nello spazio. Questo potrebbe aiutare a escogitare modi in cui i robot si attaccano alle superfici e poi le separano come fanno i gechi.

Esperimenti di fisica

Alcuni dei primi esperimenti nelle scienze fisiche riguardavano la crescita dei cristalli. Il più recente esamina il comportamento dei palloni da calcio in volo libero in condizioni di microgravità. Argomenti più insoliti includono particelle Janus, o particelle che hanno due lati con proprietà distinte: un lato è idrofobo ed evita l’acqua, mentre l’altro è idrofilo e idrofilo. Il suo studio sulla microgravità rivela la fisica di base dietro l’autoassemblaggio di particelle fini e i tipi di strutture colloidali che possono essere sintetizzate.

Questi esperimenti giustificano la quantità di denaro speso per la Stazione Spaziale Internazionale? C’è un dibattito. Costa alla NASA da 3 a 4 miliardi di dollari all’anno solo per mantenere la stazione e la spesa totale è salita a 100 miliardi di dollari nello stesso anno 2018. Varrebbe la pena investire in telescopi o missioni spaziali diversi dalla Stazione Spaziale Internazionale? Sotto l’amministrazione di Donald Trump, gli Stati Uniti hanno contattato società private per partecipare ai voli spaziali. La ricerca spaziale statunitense è stata un’attività del governo fino a questo sviluppo. Questo ha mostrato alla NASA il modo per tagliare gli enormi pagamenti che stava facendo alla Russia per traghettare gli astronauti avanti e indietro. L’equazione commerciale si è di nuovo bloccata.

Per più di 20 anni, la Stazione Spaziale Internazionale è stata un modello di unità e pace globali, almeno nei mondi spaziali. Ci sarà un altro costoso investimento in scienza e tecnologia? Non c’è risposta in questo momento, ma finora la Stazione Spaziale Internazionale è unica in quanto uno di questi idealisti.

READ  La capsula SpaceX lascia la stazione con 4 astronauti e torna a casa

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News