Le azioni asiatiche cadono mentre i timori di virus tornano a tormentare i mercati secondo Reuters

© Reuters. Le persone che indossano maschere, dopo lo scoppio della malattia da Coronavirus (COVID-19), camminano su un cavalcavia con una scheda elettronica che mostra gli indici azionari a Shanghai e Shenzhen, nel distretto finanziario di Lujiazui a Shanghai.

Scritto da Stanley White

TOKYO (Reuters) – Le azioni asiatiche e i futures sulle azioni statunitensi sono crollati mercoledì poiché i timori di una recrudescenza dei casi di coronavirus in alcuni paesi mettono in dubbio la forza della crescita globale e la domanda di petrolio greggio.

L’indice più ampio dell’MSCI delle azioni dell’Asia del Pacifico al di fuori del Giappone è sceso dello 0,6%. Le azioni australiane sono scese dell’1,25% e le azioni in Cina dello 0,46%.

Le azioni di Tokyo sono diminuite dell’1,79% a causa della maggiore probabilità che Tokyo, Osaka e le aree circostanti vengano chiuse a causa di una nuova ondata di infezioni da coronavirus.

Anche i futures sul microcosmo elettronico sono scesi dello 0,18%.

I futures sul petrolio greggio hanno continuato a diminuire dal livello più alto in un mese nel commercio asiatico, a causa della speculazione che le restrizioni sul coronavirus in India, il terzo importatore di petrolio al mondo, danneggeranno la domanda di energia.

Il recente ottimismo sull’aumento dei tassi di vaccinazione negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in Europa si sta spostando sulla preoccupazione che le infezioni record da coronavirus in India e il rafforzamento delle restrizioni ai viaggi agiranno come un freno per l’economia globale.

Gli analisti della Commonwealth Bank of Australia (OTC 🙂 hanno dichiarato: “Le rinnovate preoccupazioni per la ripresa economica globale stanno pesando sui prezzi delle materie prime e sulle valute delle materie prime. Molti paesi in tutto il mondo, come India e Brasile, hanno stabilito nuovi record per infortuni e morti . ” Nota di ricerca.

READ  L'Italia accetta un piano di ripresa economica con i fondi dell'Unione Europea per combattere il COVID-19

“Finché il virus persiste, c’è il rischio che mutazioni del virus si sviluppino e si diffondano in altri paesi”.

Il calo delle azioni asiatiche è avvenuto sulla scia di una giornata negativa a Wall Street. L’indice è sceso dello 0,75%, l’S & P 500 ha perso lo 0,68% e martedì è sceso dello 0,92%, poiché gli investitori hanno venduto compagnie aeree e azioni legate ai viaggi a causa delle preoccupazioni per una ripresa del turismo globale.

Alcuni titoli e società tecnologiche che hanno approfittato della domanda di rimanere a casa potrebbero dover affrontare ulteriori pressioni dopo che Netflix Inc (NASDAQ 🙂 ha riportato una crescita deludente degli abbonati ai film in streaming, causando un calo delle sue azioni dell’11% dopo l’orario di lavoro.

È sceso dello 0,4% a 62,42 $ al barile, mentre è sceso dello 0,26% a 66,40 $ al barile.

L’India, il secondo paese più popoloso del mondo e uno dei principali consumatori di energia, ha riportato martedì il suo peggior numero di morti giornaliere, con ampie parti del paese ora bloccate.

Il dollaro canadese, il peso messicano e la corona norvegese si sono stabilizzati durante il commercio asiatico dopo essere caduti martedì, ma secondo gli analisti è probabile che ulteriori cali delle valute dei principali esportatori di petrolio manterranno bassi i prezzi dell’energia.

Il dollaro è stato scambiato contro un paniere di sei valute principali vicino al minimo di sette settimane, pesato dai rendimenti del Tesoro USA più bassi poiché alcuni investitori cercavano un debito pubblico sicuro.

Mercoledì, gli investitori stanno guardando da vicino un’asta di titoli del Tesoro di 20 anni, che rappresenterà un importante indicatore della domanda globale di reddito fisso.

READ  Il vetro OI raggiunge la sostenibilità attraverso l'innovazione

Prima dei risultati dell’asta, il rendimento del benchmark era scambiato all’1,5660%, vicino al minimo di sei settimane. Il rendimento del Tesoro a 20 anni ha raggiunto il 2,1531%, vicino al livello più basso in sette settimane.

In segno di crescente avversione al rischio, è stato scambiato a 1.778,18 $ l’oncia, vicino al massimo di sette settimane raggiunto lunedì. [GOL/]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News