L’Eurozona si prepara a una forte ripresa con l’aumento del sentimento economico

L’economia della zona euro è destinata a registrare una forte ripresa nella seconda metà del 2021, poiché il sentimento economico è aumentato ad aprile dopo che il programma di vaccinazione della regione ha finalmente preso slancio.

L’indagine mensile sul sentiment della Commissione europea su 19 paesi che condividono l’euro è stata più ottimistica giovedì, salendo a 110,3 punti ad aprile da 100,9 a marzo.

L’atmosfera ottimista è arrivata quando il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha affermato che l’economia della zona euro è pronta per una rapida crescita nella seconda metà dell’anno grazie alla più rapida distribuzione dei vaccini, che consentirà alla vita di tornare alla normalità.

UBS Global Wealth Management ha affermato che i progressi nella vaccinazione indicano che la zona euro non sarà molto indietro rispetto agli Stati Uniti e al Regno Unito quando si tratta di allentare le restrizioni.

“Ci aspettiamo ancora che l’economia della zona euro assista a una forte ripresa nella seconda metà di quest’anno”, ha affermato UPS.

“Un ulteriore impulso all’attività della zona euro verrà probabilmente dalla sua esposizione alla ripresa economica globale”.

Lagarde ha sostenuto questo sentimento, dicendo mercoledì a un evento online dell’Aspen Security Forum di essere ottimista sull’economia.

“A detta di tutti, sembra che entro la fine del prossimo giugno, circa il 70 per cento della popolazione dovrebbe essere vaccinato con almeno la prima dose”, ha detto Lagarde.

I clienti percorrono la via dello shopping Kalverstraat ad Amsterdam, dove i negozi consentono agli acquirenti di entrare senza appuntamento, come parte delle misure di alleggerimento attuate dal governo olandese.  Francia Agenzia di stampa

I clienti percorrono la via dello shopping Kalverstraat ad Amsterdam, dove i negozi consentono agli acquirenti di entrare senza appuntamento, come parte delle misure di alleggerimento attuate dal governo olandese. Francia Agenzia di stampa

La produzione della zona euro è diminuita del 6,6% nel 2020 dopo che l’epidemia ha colpito la regione. Una terza ondata di Coronavirus ha impedito la ripresa del blocco economico e l’avvio della campagna di vaccinazioni indiscriminate.

Ma la signora Lagarde ha detto che i vaccini forniscono “luce alla fine del tunnel”, quindi non c’era motivo di modificare la previsione della BCE di una crescita del 4% per l’intero anno.

L’ambizioso piano dell’UE di Nest Generation è ora rafforzato con un certo numero di Stati membri che presentano il loro piano nazionale di ripresa alla Commissione europea questa settimana, per ricevere i primi pagamenti dal piano di ripresa e resilienza dell’Unione europea di 750 miliardi di euro (908,06 miliardi di dollari).

L’economia e il sistema sanitario italiani sono stati duramente colpiti dall’epidemia, poiché il paese è destinato a ricevere una delle quote maggiori del fondo che è stato presentato lo scorso anno per sostenere gli Stati membri nella ripresa dalla crisi.

Questa settimana, il premier italiano Mario Draghi ha affermato che il destino del Paese dipende dal successo di un pacchetto di investimenti e riforme del valore di 248 miliardi di euro per riformare l’economia del suo Paese, di cui 191,5 miliardi di euro provengono da fondi dell’Unione Europea.

  Il premier italiano Mario Draghi (a destra), parla con il ministro dell'Economia del Paese, Daniel Franco, durante il dibattito sul piano di ripresa al Senato di Roma.  Agenzia per la protezione ambientale

Il premier italiano Mario Draghi (a destra), parla con il ministro dell’Economia del Paese, Daniel Franco, durante il dibattito sul piano di ripresa al Senato di Roma. Agenzia per la protezione ambientale

Morgan Stanley ha dichiarato giovedì che il piano di ripresa dell’Italia potrebbe portare la sua economia su un percorso di crescita più elevato e sostenibile, sebbene gli effetti a breve termine siano incerti.

“Il pacchetto ha il potenziale per aumentare in modo significativo la crescita del PIL italiano nel medio termine per almeno due ragioni. In primo luogo, il piano mira a finanziare nuovi progetti di investimento con ritorni a lungo termine, che sono investimenti infrastrutturali con un segno verde o digitale”.

In secondo luogo, il potenziale del piano è stato ulteriormente potenziato dalla grande recessione dell’economia italiana. Riteniamo che un aumento degli investimenti pubblici abbia il potenziale per mobilitare investimenti e consumi privati, soprattutto se il governo riesce a far passare le riforme strutturali dal lato dell’offerta incluse nel piano, che mirano a ridurre la burocrazia e rendere il paese più favorevole alle imprese. . “

Francia e Germania hanno presentato congiuntamente il loro piano nazionale di ripresa con sovvenzioni pari rispettivamente a circa 25 miliardi di euro e 40 miliardi di euro, che si concentreranno fortemente sulla green economy e sui progressi della digitalizzazione.

“Con la Germania che destina il 90% e la Francia il 75% a questi due problemi, entrambi i paesi hanno superato i requisiti stabiliti dalla Commissione europea”, ha affermato UPS.

A breve termine, prevediamo che la reazione del mercato a questi piani sarà ampiamente positiva. L’assenza di un ritardo nei fondi erogati dovrebbe dare più credibilità alla prevista ripresa economica in Europa “.

Tuttavia, l’economia della zona euro deve ancora lavorare. Meno di un quarto della popolazione del blocco ha ricevuto la prima dose di vaccino e gran parte dell’Europa rimane bloccata.

Un uomo cammina con il suo cane nella città vecchia prima che inizi il coprifuoco notturno a Marburg, in Germania.  L'Europa sta vivendo una terza ondata di epidemia.  Agenzia di stampa

Un uomo cammina con il suo cane nella città vecchia prima che inizi il coprifuoco notturno a Marburg, in Germania. L’Europa sta vivendo una terza ondata di epidemia. Agenzia di stampa

I servizi, che comprendono i settori più colpiti dalle chiusure, hanno risentito dell’impatto, mentre la produzione di materie prime è stata nettamente migliore, sostenuta in parte dalla forte domanda dall’estero.

Tuttavia, molte parti del settore manifatturiero della zona euro continuano a operare al di sotto della loro piena capacità. UBS ha affermato che le interruzioni delle catene di approvvigionamento, i colli di bottiglia causati da spedizioni ritardate e il continuo impatto delle distanze sociali hanno contribuito tutti.

Con le strozzature nella fornitura di vaccini che dovrebbero diminuire nei prossimi mesi, l’umore è più positivo.

L’indagine mensile sul sentiment della Commissione europea ha mostrato che la fiducia dell’industria è salita a 10,7 punti in aprile dai 2,1 di marzo.

Anche nel settore dei servizi, il più grande settore dell’Eurozona responsabile di oltre due terzi del PIL, l’umore è stato più ottimista, dato che la lettura è salita a 2,1 punti da -9,6 di marzo.

L’ottimismo dei consumatori è salito a meno 8,1 da meno 10,8, mentre le aspettative sui prezzi di vendita del settore manifatturiero sono salite a 24,1 in aprile da 17,5 a marzo, vicino al valore più alto da marzo 2011.

L’aumento della fiducia economica si è aggiunto ai segnali che la regione sta iniziando a riprendersi, con il governo tedesco che questa settimana ha alzato le sue previsioni di crescita per l’anno al 3,5% ed ha espresso la fiducia che la spesa dei consumatori inizierà una volta che l’epidemia sarà sotto controllo.

Lo stato d’animo positivo rafforzerà le prospettive dell’euro contro la debolezza del dollaro quest’anno. L’euro veniva scambiato a $ 1,2119 contro il dollaro alle 2.06 pm ora di Londra giovedì, con USB che prevedeva che l’accoppiamento raggiungesse $ 1,25 entro la fine dell’anno.

“Con la ripresa dell’economia globale, è probabile che gli investitori diversifichino la loro attuale esposizione allontanandola dal dollaro USA”, ha affermato la banca.

“Il corrispondente aumento della domanda per le esportazioni della zona euro creerà più domanda per l’euro, che sarà un altro fattore che spingerà la valuta più in alto”.

Maggiori informazioni sull’economia della zona euro

ECB Christine Lagarde: Speriamo che il 2021 sia un anno di ripresa

Il tasso di disoccupazione nell’Eurozona è rimasto invariato all’8,3% a febbraio

Il PIL dell’Eurozona si è contratto dello 0,7% nel quarto trimestre del 2020

READ  Lo stock dei risparmiatori globali di $ 5,4 trilioni offre speranza per la spesa post-Covid

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News