L’Italia riapre i battenti, sperando in una ripresa economica

Inserito da Colin Barry | Agenzia di stampa

MILANO – I commensali hanno riempito i tavoli nella famosa Piazza Duomo di Milano anche in una giornata nuvolosa e ventosa di lunedì, a testimonianza della domanda repressa di cenare fuori mentre l’Italia inizia per la seconda volta, e molti sperano alla fine, la riapertura della pandemia COVID-19.

Dopo sei mesi di ripetute chiusure, ristoranti, bar, musei e cinema sono stati aperti al pubblico in gran parte del Paese con un piano di riapertura graduale visto come troppo cauto per alcuni e troppo frettoloso per altri.

Virologi e operatori sanitari del Paese temono che anche la riapertura iniziale fissata dal governo del premier Mario Draghi inviti una festa o tutto, e ne sono stati visti i segni nel fine settimana con parchi e piazze che riempiono città da Roma a Torino da Milano. A Napoli.

“È un’illusione pensare di dare un segno di apertura e di non vedere le persone intorno a te”. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha detto lunedì: “La perfezione non esiste”. tollerante e anche attento. “

Per i ristoratori che lottano per sopravvivere, il ritorno dei pasti all’aperto è troppo poco, troppo tardi, e la continuazione del coprifuoco alle 22:00 limita la riapertura dei teatri e invia un cattivo messaggio di pubbliche relazioni al turismo internazionale come l’estate della seconda pandemia approcci.

La pizzeria Pino ha ottenuto un raro permesso dai funzionari milanesi di allestire tavoli lungo i corridoi che costeggiano Piazza Duomo, e un po ‘di risarcimento per i posti interni persi, poiché serviva i clienti seduti per la prima volta da febbraio. Il permesso durerà fino all’estate.

“Non possiamo che essere felici”, ha detto il cameriere Antonio Carolo. “Perché abbiamo molti amici che hanno ristoranti che non hanno molto spazio fuori, o non hanno molto spazio fuori, e sono ancora a casa, disoccupati”.

READ  Gucci celebra i 100 anni con il gruppo Michel "Aria" | divertimento

La visione del governo è che una rinnovata attività economica per una graduale riapertura – che prosegue con piscine all’aperto il mese prossimo, palestre in seguito ed eventi e mostre più grandi di metà giugno – saranno raccolti 200 miliardi di euro (241 miliardi di dollari) per la ripresa del Unione e Italia. I soldi individuati lunedì in Parlamento.

Draghi ha detto ai legislatori di Roma: “Sono certo che onestà, intelligenza e predisposizione per il futuro prevarranno sulla corruzione, la stupidità e gli interessi privati”.

Sotto la pressione dei partner di destra, il governo ha spostato le aperture di una settimana prima del programma inizialmente pianificato, consentendo viaggi gratuiti per la prima volta in mesi tra 15 delle 21 regioni autonome e province italiane con i livelli più bassi di restrizioni sul coronavirus. Il numero di persone che potevano visitare amici e parenti in qualsiasi momento è raddoppiato da due a quattro. Ristoranti e bar possono sedersi per mangiare all’aperto. Ripresa l’attività fisica all’aperto.

A Campo dei Fiori a Roma, i proprietari dei ristoranti apparecchiano i tavoli all’aperto e spazzano i ciottoli per accogliere i clienti per il loro primo servizio di posti a sedere da metà marzo. Venezia è rimasta priva delle solite folle di turisti, ma i proprietari di bar puliscono tavoli e sedie all’aperto nella speranza di accogliere i clienti locali.

“È una specie di rinascita”, ha detto il proprietario del caffè Stefano Baldan in Campo Santa Margherita.

La riapertura è in arrivo anche se i reparti di terapia intensiva in Italia restano sopra la soglia di allerta del 30%. Anche la campagna vaccinale italiana è ancora lontana dal suo obiettivo di 500.000 round al giorno e ora si sta muovendo solo per proteggere le persone nella fascia di età 70-79. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che le persone di età superiore ai 65 anni rappresentano la stragrande maggioranza dei decessi per COVID-19 in Europa.

READ  Recensione: DSSO affascina il colore e la danza

Ciò destò preoccupazione ai virologi, i quali notarono che il virus era abile nel trasformarsi con varianti letali, e che la curva in Italia era stata solo recentemente riportata sotto controllo, e poteva facilmente risalire.

La Sardegna italiana, l’unica regione completamente priva di restrizioni per questo periodo invernale, è diventata un ammonimento. È sceso in rosso a metà aprile, dopo un chiaro segnale di aumento del numero di nuovi contagi.

Il dottor Massimo Botti, capo del dipartimento di malattie infettive degli Ospedali Niguarda di Milano, ha affermato di ritenere che il sistema di monitoraggio italiano consentirebbe un adeguato allarme se il virus dovesse colpire di nuovo. Per ora, ha detto che l’attenzione dovrebbe rimanere sui vaccini, non tanto per contenere l’infezione, ma per tenere lo stress lontano dagli ospedali.

“Questo ci permetterà di tornare alla nostra attività abituale, perché abbiamo molti pazienti che non hanno COVID e hanno bisogno di cure”, ha detto il dottor Botti, trattamenti che non possono essere programmati fintanto che i reparti di terapia intensiva sono sotto stress. “Anche se un malato di cancro può aspettare il trattamento, non stanno aspettando in silenzio”.

Il dottor Botti ha detto che, nonostante le difficoltà, la decisione di aprire è stata comprensibile.

“Dopo tutto, è difficile frenare le persone e anche affrontare una grave crisi economica. Ci sono ragioni importanti dietro questa decisione politica”, ha detto.

A Milano il cinema Beltrade ha organizzato una maratona cinematografica che dura tutto il giorno, dalle 6 del mattino fino alle 9:30 di sera, per festeggiare “un po ‘matti”, ha detto la sua titolare, Monica Baldi.

READ  Gucci celebra i 100 anni con il gruppo Michel "Aria" | divertimento

Baldi ha detto che una folla di 82 persone socialmente distanti ha riempito l’alba del cinema per proiettare il film di Nani Moretti del 1993 Dear Diary, una rappresaglia per l’ultimo film mostrato prima della chiusura a novembre che sembrava appropriata solo per una nuova proiezione.

Mentre i 500 teatri dal vivo possono aprire in Lombardia, la realtà è più complessa. Le regole di spaziatura consentono un massimo di 500 spettatori, anche in grandi teatri come La Scala, che possono ospitare più di 2.000 persone.

Lascala intende riaprire il mese prossimo un concerto simbolico guidato da Ricardo Muti. Ma la stagione non dovrebbe ricominciare con un calendario completo prima di settembre, quando la direzione spera di inoculare completamente l’orchestra e il coro, e le regole per la spaziatura sono più rilassate. Intanto sta programmando una serie di concerti all’aperto in giro per la città nei prossimi mesi.

“L’importante è che ci siano occasioni per il ritorno del pubblico e per ricreare le emozioni uniche dei concerti”, ha dichiarato il Direttore Generale Dominic Meyer.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News