Perché Joe Biden non cambierà la vita dei palestinesi | Notizie di Benjamin Netanyahu

L’amministrazione statunitense sotto il presidente Joe Biden si è impegnata a cambiare il corso del conflitto israelo-palestinese.

Il ripristino dei pagamenti degli aiuti ai palestinesi, sospesi sotto l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, è stato l’inizio. Gli analisti affermano che, sebbene possa essere interpretato come un segno positivo in una nuova direzione, potrebbe essere troppo presto per aspettarsi un cambiamento importante.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha recentemente annunciato che gli Stati Uniti doneranno 150 milioni di dollari alla Società di soccorso delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) e 75 milioni di dollari saranno assegnati a progetti di sviluppo nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania.

Altri 10 milioni di dollari verranno utilizzati per misure di consolidamento della pace tra palestinesi e israeliani.

Quest’ultimo è centrale nel piano di Biden per ricostruire il sostegno e i contatti politici con i palestinesi per facilitare una soluzione a due stati. Blinken ha sottolineato la visione degli Stati Uniti per israeliani e palestinesi di vivere in “prosperità, sicurezza e libertà”.

È un salto di qualità rispetto al termine Trump. L’ex presidente ha interrotto quasi tutti gli aiuti finanziari ai palestinesi nel 2018 e ha sostenuto il governo Netanyahu a un livello senza precedenti su questioni critiche come gli insediamenti israeliani illegali.

Cosa si sa?

Biden era un classico critico Per la politica degli insediamenti israeliani. In qualità di vicepresidente nel 2016, Biden si è detto “estremamente frustrato” con il primo ministro Benjamin Netanyahu e il suo governo per la promozione e l’espansione degli insediamenti.

Durante la sua campagna elettorale, Biden ha ribadito la sua propensione per una soluzione a due stati e ha promesso di riaprire la missione dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina a Washington DC e il consolato degli Stati Uniti a Gerusalemme per gli affari palestinesi.

Tuttavia, gli esperti non vedono un quadro più ampio nell’approccio statunitense. Nader Hashemi, direttore del Center for Middle Eastern Studies presso l’Università di Denver, ha detto che all’amministrazione Biden mancava una visione coerente del conflitto che avrebbe cambiato drasticamente la situazione per i palestinesi.

La Casa Bianca ha una visione per Israele. Questo è il punto di partenza per l’amministrazione Biden nel pensare ai palestinesi e nel plasmare la loro politica verso il conflitto “, ha detto ad Al Jazeera, che le questioni di sicurezza israeliana sono prima di tutto.

Al-Hashemi ha detto che la politica di Biden è semplicemente una continuazione del sostegno americano incondizionato fornito da ogni amministrazione americana sin dalla fondazione di Israele.

READ  Coronavirus: Sputnik V Shot costa 750 rupie, arriva entro maggio: il dottor Reddy su NDTV

Pertanto, ha aggiunto, i diritti nazionali palestinesi ei diritti umani non saranno rispettati nella tradizione di non esercitare pressioni su Israele affinché faccia qualsiasi tipo di concessione.

“Gli Stati Uniti non useranno la loro enorme influenza diplomatica ed economica per costringere Israele a fare concessioni ai palestinesi a sostegno del diritto internazionale”, ha detto Al-Hashemi.

Yaniv Fuller, docente senior di politica mediorientale presso l’Università del Kent, ha affermato che il team Al Jazeera Biden è un team affiliato, non un team di ripristino.

“I membri chiave del team di politica estera di Biden – per esempio, il Segretario di Stato Anthony Blinken o il Direttore della CIA Dr. William Burns – sono membri a lungo termine dell’establishment della politica estera”, ha detto Fuller.

I palestinesi sventolano bandiere palestinesi e cantano slogan durante una manifestazione nella città di Nablus in Cisgiordania [File: Alaa Badarneh/EPA-EFE]

“Una posizione estremista anti-palestinese”

Al-Hashemi ha affermato che la richiesta di Blinkin di fornire “pari diritti” ai palestinesi non cambierà la realtà del rapporto tra Stati Uniti e Israele, e che le sue dichiarazioni erano “cosmetiche e immateriali” e non dovrebbero essere prese sul serio.

Le parole del Segretario di Stato erano basate sul simbolismo e miravano a due tendenze specifiche.

In parte ciò è motivato da un tentativo di allontanare Biden dall’estrema posizione anti-palestinese di Trump. Al-Hashemi ha detto che intende anche dimostrare che Biden ha una politica estera incentrata sui diritti umani ed è equilibrato nel suo approccio tra le due parti in conflitto.

Oltre a questi fattori, ritiene anche Al Hashemi, le parole di Blinken avrebbero dovuto affrontare le preoccupazioni a livello locale.

“Era anche una concessione alla base democratica, che cerca una politica americana più equilibrata nei confronti di Israele e Palestina, come ha chiarito Bernie Sanders”.

Biden ha confermato in precedenza che non avrebbe riflesso la decisione dell’amministrazione Trump di spostare l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, né la sovranità di Israele sulle alture del Golan occupate.

Il presidente degli Stati Uniti ha anche preso posizione contro la voce filo-palestinese del Partito Democratico e ha chiesto l’idea di usare l’influenza a favore dei palestinesi.uno sconosciutoDurante la sua campagna elettorale.

Inoltre, Biden ha descritto gli accordi di normalizzazione che Trump ha mediato con i paesi arabi e le relative concessioni sulla questione palestinese come una “svolta storica” ​​e si è impegnato a persuadere più paesi della regione a firmare accordi simili.

READ  Gli studiosi del Pakistan hanno contribuito al successo dei talebani

Stabilire la politica estera

Quando si esaminano i nomi chiave dell’amministrazione Biden, le nomine del suo staff ribadiscono l’idea che il fulcro delle pratiche tradizionali dell’era Biden sembra improbabile.

Linda Thomas Greenfield è l’ambasciatore di Biden presso le Nazioni Unite. Impegno Per “opporsi all’ingiusto individuazione di Israele attraverso il boicottaggio, il disinvestimento e l’imposizione di sanzioni” (BDS), un movimento che cerca di fare pressione su Israele affinché rispetti il ​​diritto internazionale. Thomas Greenfield ha anche detto che il movimento BDS è antisemita.

Inoltre, a differenza del presidente Barack Obama, Biden deve ancora nominare un inviato israelo-palestinese per esplorare le opzioni di pace, ha sottolineato Al-Hashemi.

Il continuo godimento da parte di Israele dello stesso livello di sostegno di cui ha goduto sotto la precedente amministrazione può essere visto anche nelle recenti attività israeliane contro l’Iran, che Washington ha ampiamente ignorato.

Nel momento in cui Biden negozia con l’Iran a Vienna per risolvere la questione nucleare, Israele cerca di sabotare questi colloqui con un altro attacco all’Iran. Al-Hashemi ha detto che l’amministrazione Biden rimane in silenzio sulla questione, anche se Israele mina deliberatamente la sua politica.

Un palestinese usa una fionda per lanciare pietre contro le forze di sicurezza israeliane vicino alla città di Beita [File: Mohamad Torokman/Reuters]

Le dinamiche di Biden e Netanyahu

Gran parte del rapporto tra Biden e Netanyahu si è concretizzato nel corso degli anni. Entrambi si conoscono da decenni e hanno una buona dose di disaccordi, comprese controversie sugli accordi e il disprezzo di Netanyahu per l’adesione a una posizione bipartisan.

C’è persino la fama di Biden citazione: “Bibi, non sono d’accordo con quello che dici, ma ti amo.”

Fuller ha affermato che l’idea che la relazione fratturata tra Biden e Netanyahu possa causare profonde ripercussioni è esagerata.

Il fatto che il presidente Biden abbia parlato l’ultima volta con Netanyahu dopo essere entrato alla Casa Bianca è stato visto da molti come un segnale a Netanyahu che aveva perso la sua beniamina a Washington. Tuttavia, questo gesto non dovrebbe essere sopravvalutato. i fattori che hanno plasmato le relazioni USA-Israele sono ancora presenti. È improbabile che Washington, guidata da Joe Biden, cambierà in modo significativo la sua posizione nei confronti di Israele “.

Semmai, ha detto, l’amministrazione Biden stava riallineando le politiche di Trump nel mezzo. Inoltre, Biden è stato storicamente un convinto sostenitore di Israele.

Biden ha legami di lunga data con Netanyahu. Come ha detto il vicepresidente Obama, Fuller, ma anche prima della sua nomina, Biden non si era allontanato dal tradizionale sostegno di Washington a Israele.

READ  I subacquei della Florida trovano fossili di mammut dell'era glaciale

Inoltre, sebbene Netanyahu possa aver lasciato l’amaro in bocca a molti democratici, ciò non sarebbe sufficiente per sfidare lo status quo, ha detto Voller.

“Anche se alcuni democratici nutrono rancore contro Netanyahu, non credo che ciò influenzerà in modo significativo la posizione del partito nei confronti di Israele. Molti democratici sono impegnati in Israele e desiderano anche attirare gli elettori filo-israeliani nel paese.

Tuttavia, Fuller ha anche riconosciuto che l’attuale dinamica in Israele potrebbe cambiare rapidamente.

Ci sono poche possibilità che Netanyahu non sia il prossimo primo ministro. Se questo è il caso, ad esempio, di Naftali Bennett, le cose potrebbero sembrare diverse data la posizione dura di quest’ultima “.

Elezioni palestinesi

Accanto al fattore Biden, recentemente è emersa la speranza per i palestinesi sotto forma di elezioni programmate in cui Hamas e Fatah hanno raggiunto un accordo dopo anni di conflitto. Tuttavia, Al Hashemi ha affermato di essere scettico sul fatto che i voti possano fare la differenza.

Penso che ci potrebbe essere uno sforzo per indire le elezioni, ma solo se la vittoria degli attuali leader palestinesi corrotti è garantita.In primo luogo, le elezioni sotto occupazione militare non hanno senso.In secondo luogo, che dire di Gaza, che è ancora sotto assedio?

Al-Hashemi ha detto che gli oppositori del presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas non sono liberi di organizzarsi e mobilitarsi, e poi c’è l’epidemia.

Quindi, senza uno spostamento nel modello americano verso un maggiore sostegno ai palestinesi e la continuazione della leadership palestinese corrotta, la speranza rimarrà alquanto limitata.

Tuttavia, Al-Hashemi ha affermato che potrebbe esserci un percorso verso una vita migliore per i palestinesi, anche se difficile da padroneggiare.

Credo fermamente che la chiave dell’autodeterminazione palestinese sia la nuova leadership palestinese, modellata sull’African National Congress in Sud Africa. “A meno che ciò non accada, i palestinesi rimarranno un popolo distrutto e sconfitto che vive sotto l’occupazione”, ha detto Al-Hashemi.

Di conseguenza, il cambiamento deve avvenire prima internamente, poiché Washington sembra non avere ancora una risposta alle domande e alle speranze palestinesi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News