Spiegazione: perché la mitragliatrice notturna di SpaceX è la prima della NASA dal 1968

Lo SpaceX di Elon Musk ha celebrato il completamento con successo della missione Crew-1 della NASA nelle prime ore di domenica, quando la sua navicella spaziale Crew Dragon è tornata sulla Terra quattro astronauti dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e sono atterrati sull’acqua nel Golfo del Messico al largo Coste della Florida.

La capsula, soprannominata Resilience, era decollata per la Stazione Spaziale Internazionale a novembre, con gli stessi quattro astronauti del primo equipaggio – tre dagli Stati Uniti e uno dal Giappone – che sono tornati domenica. Il loro arrivo poco prima delle 3 del mattino di domenica dopo quasi sei mesi nello spazio segna il completamento della prima missione operativa di SpaceX per l’agenzia statunitense.

Questa Stazione Spaziale Internazionale – che è abitata continuamente – ha ora sette persone. Quattro di questi sono arrivati ​​lì la scorsa settimana, anche tramite SpaceX nella missione Crew-2.

Mission The Crew-1

Nel maggio 2020, il volo di prova SpaceX Demo-2 della NASA della Stazione Spaziale Internazionale con due astronauti è decollato e decollato nel Golfo del Messico ad agosto. L’obiettivo di questo volo di prova era vedere se le capsule SpaceX potevano essere utilizzate regolarmente per trasportare gli astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Dopo il successo di Demo-2, Crew-1 è stata lanciata a novembre come la prima delle sei missioni con equipaggio tra la NASA e SpaceX, segnando l’inizio di una nuova era negli Stati Uniti dei viaggi spaziali.

READ  Quante immagini TC ci sono nel test COVID-19? In che modo il risultato della TC è correlato alla gravità dell'infezione?

A partire da metà novembre 2020, i membri del team Crew-1 si sono uniti ai membri della Expedition 64 e conducono studi sulla microgravità sulla Stazione Spaziale Internazionale. Alcune delle ricerche condotte dagli equipaggi con se stessi includevano materiali di indagine sulla fisiologia alimentare volti a studiare gli effetti dei miglioramenti dietetici sulla funzione immunitaria e sul microbioma intestinale e su come questi miglioramenti potrebbero aiutare gli equipaggi ad adattarsi ai voli spaziali.

The Crew-1’s Night Start

Le capsule spaziali possono essere riportate in sicurezza sulla Terra atterrando sulla Terra o sull’acqua.

L’ultima missione americana per far atterrare gli astronauti sull’acqua al buio è stata lo storico Apollo 8, il primo volo spaziale umano a raggiungere e orbitare attorno alla luna nel 1968. La navicella ha trascorso sei giorni nello spazio prima di lanciarsi nell’Oceano Pacifico vicino alle Hawaii prima dell’alba. . Il 27 dicembre dello stesso anno.

Oltre ad Apollo, Mercury e Gemelli Le capsule eiaculavano anche durante gli anni ’60.

In cambio, i baccelli sovietici avrebbero terminato i loro voli sulla Terra, una tecnologia che la Russia persegue ancora oggi, con le sue capsule Soyuz che atterrano sulla Terra. Le capsule cinesi Shenzhou fanno lo stesso.

Sebbene SpaceX inizialmente avesse pianificato di far atterrare il Crew Dragon sulla Terra, in seguito è passato allo sbarco in acqua poiché la società ha affermato di aver semplificato il design della capsula.

https://platform.twitter.com/widgets.js

READ  Dovresti una doppia maschera per proteggerti dal Covid-19? Quali sono i tipi di maschere e come si usano?

Lo Starliner di Boeing, l’altra capsula ordinata dalla NASA oltre a SpaceX’s Crew Dragon, atterrerà sulla Terra nel New Mexico. La capsula ritardata dovrebbe entrare in funzione all’inizio del prossimo anno.

Come può aiutare l’atterraggio di notte

Inizialmente, l’equipaggio-1 prevedeva di tornare durante il mercoledì della scorsa settimana, ma il ritorno è stato ritardato a causa del maltempo.

Pertanto, la NASA si è rivolta agli atterraggi notturni, citando il clima notturno calmo e l’abbondanza di luce lunare come fattori che influenzano la sua decisione. Fortunatamente per l’agenzia spaziale, SpaceX si è addestrato anche per atterrare di notte e nel gennaio di quest’anno la compagnia è riuscita ad atterrare sull’acqua nella capsula cargo della stazione.

Un ulteriore vantaggio dell’atterraggio al buio è evitare il disturbo da imbarcazioni private, che è un pericolo per la sicurezza. Quando la navicella Demo-2 è decollata nell’agosto dello scorso anno, più di una dozzina di barcaioli si sono riuniti sul ponte per dare un’occhiata più da vicino.

Secondo il New York Times, per evitare tali problemi, questa volta la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha anche creato una zona di sicurezza di 11,5 miglia per inseguire eventuali imbarcazioni o elicotteri in funzione.

Qualche istante prima che l’equipaggio-1 raggiungesse la Terra, il Mission Control di SpaceX inviò in modalità wireless, “Ti diamo il benvenuto sul pianeta Terra e ti ringraziamo per aver pilotato SpaceX”.

“Per gli iscritti al nostro programma frequent flyer, ho guadagnato 68 milioni di miglia in questo viaggio”.

Il capitano della navicella Mike Hopkins ha risposto: “È bello tornare sul pianeta Terra. Faremo quelle miglia. Sono convertibili?”

READ  Il nuovo equipaggio di astronauti di SpaceX ha portato in orbita un simpatico e soffice pinguino chiamato "Guin Guin"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News