Una compagnia aerea italiana modificata si prepara a decollare a luglio mentre i colloqui con l’UE tornano indietro

Scritto da Francesca Landini

MILANO (Reuters) – L’amministratore delegato di una nuova compagnia aerea italiana ha detto martedì che una nuova compagnia aerea italiana spera di sostituire Alitalia dal 1 ° luglio, anche se molti degli ostacoli che la Commissione europea deve affrontare devono ancora essere superati.

L’anno scorso, Roma ha lanciato un piano per ristrutturare Alitalia e lanciare ITA, che avrebbe dovuto sostituire la compagnia aerea a corto di liquidità, che ha subito anni di perdite, all’inizio di aprile.

L’amministratore delegato Fabio Lazerini ha affermato che questo è stato ritardato a causa di trattative prolungate con Bruxelles, che potrebbero portare al fallimento del progetto a meno che ITA non cogli l’ultima possibilità nella stagione estiva.

“Dobbiamo iniziare rapidamente perché il mercato (del traffico aereo) si sta riprendendo e … i concorrenti di Alitalia si stanno comportando in modo aggressivo, soprattutto le compagnie aeree low cost”, ha detto Lazerini, citando il piano di Ryanair di offrire 100 rotte in Italia durante l’estate.

“Puntiamo a iniziare a volare il 1 ° luglio con un numero limitato di velivoli che crescerà gradualmente nel tempo”, ha detto in un’audizione con quattro commissioni parlamentari italiane.

Ha aggiunto che, mentre ITA era in trattative con il cane da guardia della concorrenza dell’Unione europea sul suo piano, era anche in trattative con KLM, Delta e Virgin Airlines da un lato e Lufthansa dall’altro su una potenziale partnership.

Lazirini ha detto che una decisione su un partner è attesa per la fine di giugno, aggiungendo che le discussioni con la commissione sono ancora in corso e che le preoccupazioni principali sono se il nuovo vettore possa acquistare il marchio Alitalia, il suo programma fedeltà e la maggioranza di Linnet di Milano. ubicazioni aeroportuali.

READ  Le azioni asiatiche cadono mentre i timori di virus tornano a tormentare i mercati secondo Reuters

ITA stava anche cercando di convincere Bruxelles che aveva bisogno del lavoro di gestione e manutenzione dell’ex compagnia aerea.

In base alle norme sugli aiuti di Stato dell’UE, deve esserci una rottura economica tra ITA e Alitalia per Bruxelles per consentire a Roma di pompare 3 miliardi di euro (3,6 miliardi di dollari) nel nuovo vettore.

Prima della pandemia di coronavirus, Alitalia possedeva quasi il 70% dei porti di Lynette e l’Autorità informatica sta combattendo le richieste dell’Unione europea di eliminarne la metà.

Questa posizione è guidata dal desiderio di tenerli fuori dalle mani dei concorrenti e anche dal loro utilizzo per incoraggiare le compagnie aeree rivali in una partnership industriale. ($ 1 = € 0,8280) (Report di Francesca Landini; a cura di Alexander Smith)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Pt Agency News