Uno studio britannico ha dimostrato che il vaccino Pfizer previene l’infezione da Covid sintomatica e asintomatica negli adulti

Il flacone di vaccino Pfizer-BioNTech Covid-19
Bottiglia di vaccino Pfizer-BioNTech Covid-19 | Foto: Cobie Wolf | Foto del file Bloomberg

dimensione del font:

Nuova Delhi: Un nuovo studio afferma che il vaccino Covid-19 di Pfizer-BioNTech può prevenire le infezioni sintomatiche e asintomatiche negli adulti in età lavorativa.

La vaccinazione, ufficialmente chiamata vaccino BNT162b2, è stata studiata tra un campione della popolazione quando la variante B1.1.7 del coronavirus si stava diffondendo ampiamente nel Regno Unito.

studiando, pubblicato in Il bisturiCondotto da Public Health England, affiliato al Dipartimento della salute e del benessere del Regno Unito e al National Institute for Health Research.

Secondo la loro ricerca, B1.1.7 è un nuovo tipo di SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19. La variante è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito nel settembre 2020 ed è nota per diffondersi più facilmente rispetto alle varianti precedenti. Un nuovo studio si sta ora aggiungendo al corpo di prove per questo B.1.1.7 è anche più letale Delle varianti precedenti, causando circa il 64% dei decessi in coppie di individui abbinati per fattori quali età, sesso e razza.

Lo studio ha coinvolto 23.324 partecipanti da 104 siti in tutta l’Inghilterra che sono stati divisi in due gruppi: vaccinati e non vaccinati. L’età media dei partecipanti era di 46,1 anni mentre l’84% (19.692 partecipanti) era di sesso femminile.

Lo studio mirava a determinare i fattori associati alla copertura vaccinale e documentare l’efficacia del vaccino in un gruppo di operatori sanitari che si sottopongono a regolari test asintomatici.

Il vaccino Pfizer è stato introdotto nel Regno Unito nel dicembre 2020.


Leggi anche: Il governo di Modi vuole più vaccini Covid, ma Moderna “non è entusiasta” e Pfizer ha questo “caso”.


Risultati

Lo studio ha rilevato che 977 persone che non hanno ricevuto la vaccinazione sono state infettate rispetto a nove persone che hanno ricevuto due dosi del vaccino. I risultati hanno mostrato che una dose del vaccino aveva un’efficacia del 70%, mentre entrambe le dosi avevano un’efficacia dell’85%.

READ  Il piccolo trucco dell'elicottero della NASA atterra su Marte e invia le prime immagini

Ci sono state 977 nuove infezioni nel gruppo non vaccinato, con un’intensità di 14 infezioni per 10.000 persone / giorno; lo studio ha affermato che il gruppo vaccinato ha avuto 71 nuove infezioni 21 giorni o più dopo la prima dose.

Ciò indica un’intensità di otto infezioni ogni 10.000 persone al giorno e nove infezioni sette giorni dopo la seconda dose, un’intensità di quattro infezioni ogni 10.000 persone al giorno.

Secondo l’American Center for Disease Control and Prevention, Giorni qualcuno Viene utilizzato per calcolare i risultati di salute in epidemiologia poiché è una stima del tempo a rischio (per l’infezione da SARS-CoV-2) a cui ha contribuito ciascun partecipante allo studio.

Nel gruppo non vaccinato, 543 partecipanti (56%) presentavano sintomi tipici di Covid-19 e 140 partecipanti (14%) erano asintomatici o 14 giorni prima della data di un test RT PCR positivo. Nel gruppo vaccinato, 29 partecipanti (36%) avevano sintomi tipici di Covid-19 e 15 partecipanti (19%) erano asintomatici.

Il vaccino Pfizer BioNTech è un vaccino a RNA messaggero (mRNA) che contiene ingredienti sintetici (prodotti chimicamente) e ingredienti prodotti enzimaticamente da sostanze naturali come le proteine. A differenza di altri vaccini candidati come Coffeeshield e Cofaxine, questo vaccino non contiene virus vivi. I suoi ingredienti inattivi includono cloruro di potassio, potassio monobasico, fosfati, sodio cloruro, sodio fosfato bibasico diidrato e saccarosio, insieme a piccole quantità degli altri ingredienti.

(A cura di Manasa Mohan)


Leggi anche: Lo studio ha rilevato che un’iniezione di Covid di Pfizer era ancora più del 91% efficace anche dopo 6 mesi


Iscriviti ai nostri canali su Youtube & cavo

Perché i mezzi di informazione sono in crisi e come puoi risolverlo

READ  Scoperto nel New Mexico, uno squalo Godzilla di 300 milioni di anni sta ricevendo un nuovo nome

L’India ha bisogno di una stampa libera, equa, non collegata e più scetticismo in un momento in cui deve affrontare molteplici crisi.

Ma i media sono in crisi di per sé. Ci sono stati licenziamenti brutali e tagli salariali. Il meglio del giornalismo si sta restringendo, risultando in una scena in prima serata schietta.

ThePrint ha i migliori reporter, editorialisti e giovani redattori che lavorano per esso. Mantenere un giornalismo di questa qualità richiede persone intelligenti e premurose come te a pagare per questo. Che tu viva in India o all’estero, puoi farlo Qui.

Sostieni il nostro giornalismo